376 views 50 sec 0 Comment

Vigilessa e marito morti, dubbi su ipotesi omicidio-suicidio

- 08/05/2024

Autopsia lascia aperte altre piste, proseguono indagini

Non è chiuso il caso della morte dei due coniugi palermitani, il commercialista Pietro Delia e l’agente della polizia municipale Laura Lupo, trovati senza vita con ferite da arma da fuoco nella loro casa, in via Notarbartolo, lo scorso sabato mattina.
    La prima ipotesi dell’omicidio-suicidio – la ricostruzione iniziale era che la donna, trovata con la pistola in mano, avesse ucciso il marito e poi si fosse sparata – lascia dei dubbi soprattutto alla luce delle autopsie svolte nei giorni scorsi. Laura Lupo, vigilessa in servizio all’ufficio del giudice di pace, aveva infatti due ferite causate dalla sua pistola d’ordinanza: una al collo, l’altra alla testa.

Come è possibile che si sia sparata una prima volta e poi sia riuscita nuovamente a premere il grilletto colpendosi al capo e uccidendosi? si chiedono gli investigatori che stanno continuando a indagare.
    D’altronde l’appartamento dei due, al terzo piano dell’ immobile, era chiuso e non c’erano segni di effrazione, dato che aveva confermato la tesi dell’omicidio-suicidio, ma che ora non sembra più decisivo.
    A far ritrovare i corpi dei genitori è stata la figlia che abita al piano di sotto.

Non avendo notizie del padre con cui aveva un appuntamento di lavoro, preoccupata ha chiamato i vigili del fuoco che sono entrati in casa e hanno scoperto i cadaveri.