68 views 36 sec 0 Comment

Girgenti Acque: chiesti 32 rinvii a giudizio. C’è anche Miccichè per finanziamento illecito al partito

- 15/04/2023

Trentadue richieste di rinvio a giudizio e 15 di non luogo a procedere.

Il procuratore reggente di Agrigento, Salvatore Vella, come riportano quotidiani locali, ha concluso ieri la requisitoria all’udienza preliminare scaturita dalla maxi inchiesta “Waterloo” sulla presunta organizzazione a delinquere che sarebbe stata messa in piedi dall’imprenditore Marco Campione, ex presidente di Girgenti acque, società che gestiva il servizio idrico nell’Agrigentino.

Fra i reati contestati: l’associazione per delinquere, il concorso esterno, l’abuso di ufficio e la truffa.

Nella lista degli imputati ci sono i vertici di Girgenti acque prima del commissariamento, politici, professionisti, forze dell’ordine, l’ex prefetto Nicola Diomede, accusato di avere salvato Girgenti acque da un’interdittiva antimafia, e l’ex presidente dell’Assemblea regionale Siciliana, Gianfranco Miccichè, al quale si contesta l’accusa di finanziamento illecito al partito. Sotto accusa anche Giovanni Pitruzzella, avvocato generale della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, al quale si contesta il concorso esterno in associazione a delinquere.

Tra le richieste di non luogo a procedere avanzate dal procuratore, anche perché il giudice Micaela Raimondo ha dichiarato inutilizzabili diverse intercettazioni, quelle per l’ex presidente della provincia regionale Eugenio D’Orsi, per il giornalista in pensione Alfonso Buggea e per Giovanni Pitruzzella. (ANSA).