93 views 2 min 0 Comment

MESSINA – NUOVA TRAGEDIA SUL LAVORO: UIL, LA MATTANZA PROSEGUE SENZA SOSTA

- 03/04/2023

“Dopo appena dieci giorni dall’ultima tragedia, siamo costretti a contare un nuovo caduto sul lavoro. Stamane ha perso la vita, cadendo da un’impalcatura di un cantiere all’ospedale Papardo, il 65enne Nunzio Micale, piccolo imprenditore edile di Spadafora. Il povero Micale, lavoratore stimato da tutti, è morto mentre faceva un sopralluogo per alcuni lavori di manutenzione presso l’ospedale Papardo di Messina. Quest’ennesima tragedia sul lavoro si aggiunge all’infinito ed inaccettabile elenco che siamo quotidianamente costretti a registrare: un pauroso contatore che non accenna minimamente a fermarsi. Questa emergenza sta assumendo i contorni di una vera e propria emergenza sociale e democratica in quanto è necessario fare più prevenzione, formazione e controlli. Purtroppo, al di là delle scontate dichiarazioni di rito, nessuno fa nulla di concreto per fermare le morti sul lavoro. Anzi, il Governo nazionale sta minando i diritti alla salute e alla sicurezza di chi lavora, specie nel settore edile. Infatti, con le ultime misure, a partire dal nuovo codice degli appalti, si è ridimensionato il potere dell’Ispettorato Nazionale assoggettandolo ai consulenti del lavoro e si è dato via libera al sistema del subappalto a cascata che porterà alla logica del ribasso sui diritti e le tutele dei lavoratori. Queste scelte rischiano, purtroppo, di peggiorare la già pesante situazione in merito alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Noi non ci arrendiamo e pretendiamo risposte vere per fermare la mattanza dei lavoratori. Alla famiglia Micale esprimiamo la più sentita vicinanza e solidarietà” lo hanno dichiarato Ivan Tripodi, segretario generale UIL Messina, e Pasquale De Vardo, segretario generale Feneal Uil Tirrenica Messina Palermo.