88 views 3 min 0 Comment

L’ AMORE FILIALE NON PUÒ ESSERE MAI MOTIVO DI IRA : PRESENTATO A MESSINA IL ROMANZO DI MARIA AUSILIA BOEMI “MADRE INCOMPIUTA”

- 03/03/2024

L’importanza del dialogo interpersonale, dell’introspezione, nelle pagine del romanzo di esordio “ Madre incompiuta”  di Maria Ausilia Boemi presentato a Messina al Salotto Fellini. 

L’incontro culturale promosso dalla Fondazione di partecipazione Antonello da Messina è stato patrocinato dal Comune di Messina. A porgere i saluti l’ Assessore alla pubblica istruzione del Comune Pietro Currò che ha sottolineato il valore della lettura per trasmettere le parole e coinvolgere i sensi, le emozioni e l’ intelletto.A moderare il partecipato pomeriggio letterario l’avv. Silvana Paratore legale esperto di politiche sociali che ha affermato come l’ amore per la lettura è un ponte che collega mondi e persone: sostanza e colore, ha aggiunto la Paratore, assumono nel romanzo della Boemi dei temi di peculiare attualità:  il volontariato inteso come quotidiano esercizio di vita, l’ altruismo, l’amore, l’ emancipazione della donna con una forte affermazione del diritto alla felicità, l’ integrazione e l’ accoglienza dei migranti. Ad intervenire all’ incontro: il Presidente della Fondazione di partecipazione Antonello da Messina dott. Giuseppe Previti che ha accennato al tema delle adozioni presente nel romanzo “Madre Incompiuta” ; la Presidente del Kiwanis Club Messina prof.ssa Mariella Di Giorgi che ha sottolineato come il ruolo dei club service sia quello di sostenere tutte le iniziative di sensibilizzazione su questioni attuali come la violenza sulle donne, la condanna ai fenomeni di stupro vissuti nel libro della redattrice del giornale La Sicilia; Carmelo Picciotto che ha sottolineato l’ importanza del fare cultura ospitando l’ evento. 

A dialogare con l’autrice il giornalista Marcello Proietto Di Silvestro che  ha esaltato le capacità narrative di lungo respiro di Maria Ausilia Boemi la trama del cui romanzo è ambientata tutta in Sicilia. Un modo di scrivere camaleontico capace di suscitare emozioni e sentimenti nel lettore. Letti tre brani tratti dalle pagine dell’ appassionato romanzo di esordio della Boemi in cui i rapporti affettivi madre/figlia si sviluppano dopo un dramma interiore che si trasforma nel tempo dando vita ad un amore filiale che “non può mai essere motivo di ira”.  Madre incompiuta pubblicato dalla casa editrice Dialoghi racconta infatti il delicato rapporto madre/figlia nella Catania di meta’ novecento. Soddisfatta l’ autrice che ha dialogato coi presenti sull’ importanza del linguaggio, sull’ uso delle parole e sulla genesi del romanzo. Ho raccontato la vita di tre donne di generazioni diverse, ha dichiarato l’ autrice del romanzo: la mamma della nobildonna e la contessa che vivono il periodo del patriarcato letale per l’ espressione dei sentimenti malvisti dai precetti della Chiesa in cui la gravidanza fuori del matrimonio era considerata macchia indelebile sullo stemma di famiglia;  ed infine la protagonista del racconto di nome Maria giovane cardiochirurga: donna emancipata capace di conciliare lavoro e sentimenti. Il romanzo Madre incompiuta è stato inserito nel maggio dei libri 2024 della città metropolitana di Messina.