249 views 2 min 0 Comment

Sole 24 Qualità della vita e il “brand” : Messina è ultima per opportunità per i giovani, penultima per i servizi agli anziani

- 27/05/2024

Messina e ultima nella classifica del sole 24 ore per la qualità della vita nel 2023 per le condizioni dei giovani. È penultima invece per quanto riguarda la qualità della vita degli anziani. E quanto emerge dalla trentaquattresima edizione dell’indagine del sole 24 ore sulla qualità della vita nei comuni italiani. Prima per economia e ricchezza e quest’anno Monza Brianza, e arriva tra le prime dieci. Milano si conferma 8ª, Firenze scende 6ª, Roma è 35ª e perde quattro posizioni.

Messina in questo scenario non cresce e non migliora. Anzi: l’indice della cultura e del tempo libero è sceso del 5,7% rispetto al 2021, cala la sportività, ovvero la possibilità di fare sport, aumenta del 3,4% la concentrazione di polveri sottile mentre cala e non di poco la motorizzazione, ovvero il numero di auto circolanti: del 10.4% in meno. In compenso aumentano le piste ciclabili ma, nel biennio 2021/2022 solo dello 0.2%.

E se il tasso di natalità aumenta di poco, il 6.2% lo spazio abitativo resta pressoché invariato. A Messina c’è un alto tasso di furti di vetture, truffe e frodi informatiche e una vera e propria emergenza stupefacenti, mentre le violenze sessuali sono in seppur minimo aumento. Nulla cambia invece nel settore demografia e società, Giustizia e sicurezza il valore aumenta di poco, m,emtre calano ricchezza e consumi.

Questi gli indici di riferimento utilizzati per stilare la classifica:

Novanta indicatori in sei gruppi
Anche quest’anno l’indagine della Qualità della vita del Sole 24 Ore prende in esame 90 indicatori, suddivisi nelle sei macrocategorie tematiche (ciascuna composta da 15 indicatori) che accompagnano l’indagine dal 1990: ricchezza e consumi; affari e lavoro; ambiente e servizi; demografia, società e salute; giustizia e sicurezza; cultura e tempo libero