Spadafora (Me) – Pistone, “Altro che Democrazia Partecipata! Uno ‘schiaffo’ ai cittadini se il Sindaco decidesse di suddividere tra prima e seconda scelta”

La Democrazia Partecipata a Spadafora ha un vincitore. Il progetto per la realizzazione del sistema di videosorveglianza nell’area cimiteriale è, infatti, quello più votato dagli Spadaforesi con ben 399 voti.

Accade però che l’amministrazione decida di suddividere la somma disponibile, circa 14 mila euro, tra i primi due progetti. Una divisione che non tiene però conto dei costi di realizzazione del progetto più votato che sono vicini al totale delle somme messe a disposizione dai trasferimenti regionali.

Insomma accade – dichiara Lillo Pistone di Rinasce Spadaforache l’amministrazione comunale del Sindaco Venuto intende dividere la già esigua somma di 14 mila euro tra la proposta più votata dai cittadini relativa al sistema di videosorveglianza del Cimitero e la seconda proposta relativa alle luminarie, determinando così l’irrealizzabilità del progetto scelto dai cittadini. Accade quindi che il sindaco Venuto, in spregio all’espressione della volontà popolare rappresentata da 399 voti favorevoli per la videosorveglianza al Cimitero e sapendo perfettamente qual è il costo effettivo per la realizzazione del sistema, intende rendere volontariamente irrealizzabile quanto previsto nell’idea progettuale vincitrice della Democrazia Partecipata! Il gruppo di opposizione non ha nulla contro le luminarie natalizie, si badi bene, ma intende segnalare come questa decisione, seppur indicata come eventuale facoltà dell’amministrazione, sia come uno schiaffo a coloro tra gli Spadaforesi che hanno scelto che i fondi della Regione vengano impiegati nel sistema di sicurezza per l’area cimiteriale! L’amministrazione comunale, peraltro, conosce perfettamente i costi di realizzazione di un impianto di videosorveglianza in quanto ha già approvato in linea amministrativa un kit di 6 camere di sorveglianza nell’area destinata al cosiddetto ‘Pesce Cantato’ con un costo previsto di 8 mila euro per un’area da sorvegliare di non più di 800 mq. . Decidere pertanto di dividere in due l’importo della democrazia partecipata significa avere consapevolezza che la scelta di 400 Spadaforesi probabilmente non verrà realizzata, di contro quella relativa alle luminarie con 179 voti avrà un seguito concreto. L’amministrazione comunale del sindaco Venuto si assumi quindi la responsabilità di aver preso in giro ben 400 spadaforesi e di aver alla fine non tenuto conto del buon senso ma solo delle preferenze personali. Spadafora avrà le luminarie per questo Natale ma probabilmente non potrà avere il sistema di sicurezza per il nostro Cimitero già vituperato e vandalizzato più volte? Se si deciderà davvero di suddividere gli importi, questa sarà la decisione del Sindaco e della sua Giunta, alla faccia dei cittadini che dovrebbe tutelare e rappresentare” conclude Pistone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close