180 views 2 min 0 Comment

Inchiesta Safina, la Cassazione rigetta il ricorso presentato dalla Procura di Trapani perché ritenuto inammissibile

- 30/05/2024

Trapani, 30 maggio 2024 – “La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso, perché ritenuto inammissibile, presentato dalla Procura di Trapani contro la decisione del Tribunale del riesame di Palermo che aveva annullato nel merito ogni restrizione cautelare nei miei confronti.

Già la Procura generale aveva chiesto la dichiarazione di inammissibilità del ricorso, condividendo nel merito le motivazioni dell’ordinanza del Riesame.

I fatti risalgono allo scorso 24 gennaio, quando sono finito ai domiciliari con le accuse di corruzione, turbativa d’asta e rivelazione di segreti d’ufficio per vicende che riguardavano il mio operato da assessore ai Lavori pubblici a Trapani negli anni tra il 2020 e il 2021.

Dopo l’interrogatorio di garanzia, martedì 30 gennaio il Gip del Tribunale di Trapani ha disposto la revoca dei domiciliari e l’obbligo di dimora nei Comuni di Trapani ed Erice.

Il Tribunale del riesame di Palermo lunedì 5 febbraio, ha accolto la richiesta di annullamento di tutte le richieste di misure cautelari. Secondo i magistrati palermitani non sono mai esistiti, nel merito e secondo l’articolo 273, indizi di colpevolezza.

Oggi, alla luce delle ultime determinazioni, confidiamo che la vicenda possa agevolmente volgere verso l’archiviazione. Non ho mai perso fiducia nella giustizia e nel sistema giudiziario.

Ringrazio i miei avvocati difensori Giuseppe Rando, Salvatore Longo e Debora Ciaramitaro per l’ottimo lavoro svolto”.

Queste le dichiarazioni del deputato regionale del PD, Dario Safina, circa la vicenda giudiziaria che lo ha visto coinvolto all’inizio dell’anno in corso.