322 views 2 min 0 Comment

Ipab Collereale: UIL FPL, “Messina Social City da mesi non paga l’uso dei locali che ospitano gli anziani di Casa Serena”

- 23/10/2023

Da gennaio di quest’anno a seguito di decisione della Messina Social City gli anziani precedentemente residenti a Casa Serena sono stati trasferiti all’Ipab di Collereale. La motivazione di tale trasferimento è legata ufficialmente a dei lavori di adeguamento strutturale. Al fine di ospitare gli anziani di Casa Serena presso l’Ipab Collereale, la Messina Social City si era impegnata a corrispondere il pattuito. Ma la UIL FP dichiara che ad oggi la Messina Social City sia “inadempiente da diversi mesi”.

“Siamo venuti a conoscenza- scrive la UIL FPL alla Presidente di Messina Social City Asquini ed al Sindaco ed assessore competente – che codesta Amministrazione, da diversi mesi, sembrerebbe essere non in regola e quindi inadempiente nei confronti dell’Ipab Collereale in merito, al versamento di quanto concordato per la cessione dei locali che ospitano gli anziani provenienti dal Casa serena e per i servizi garantiti dall’Ipab di Messina. Tutto ciò, sta causando notevoli disagi, tra gli operatori dell’Ipab Collereale, in quanto, le risorse economiche provenienti dalla Società Messina Social City, consentivano all’Amministrazione del Collereale di far fronte contribuendo al “riallineamento” delle mensilità stipendiali di diversi operatori dell’Ipab di Messina”.

“Non riuscendo a comprendere, quali possano essere gli ostacoli del riconoscimento di quanto concordato tra le parti – scriva la UIl – si chiede alla Presidente di Messina Social City di disporre presso gli uffici preposti l’avvio delle procedure utili al riconoscimento e trasferimento delle somme relative ai mesi precedenti. Si fa altresì presente, che nel caso insistano degli eventuali motivi ostativi, al riconoscimento delle quote arretrate la scrivente organizzazione, chiede un urgente incontro per confrontarsi su quanto sopraesposto” conclude la nota di UIL FPL Messina a firma del Segretario Generale Livio Andronico.