Sicilia: non solo differenziata . Legambiente, “Termovalorizzatori, idea vecchia di 20 anni. Serve produrre energia dagli scarti”

ASCOLTA L'ARTICOLO

I termovalorizzatori “è un’idea vecchia di 20 anni”. Lo ha dichiarato Stefani Ciafani, numero uno di Legambiente, all’Ecoforum di Palermo. “Venti anni fa non esistevano ancora le tecnologie disponibili oggi e che permettono di optare per scelte diverse dai termobalorizzatori. L’Europa con il Next Generation Ue non finanzia discariche o inceneritori. Vorremmo che questa Regione risponda a quello che chiede l’Europa adesso e non quello che chiedeva venti anni fa”. La teoria ambilentalista è quella dell’unica via sostenibile costituita da impianti industriali che creino energia grazie alla produzione di “compost e biometano dai rifiuti e dagli scarti e che ci rendono anche energeticamente meno dipendenti. Così come servono anche impianti eolici on shore e off shore e fotovoltaico”. Un’idea che però si scontra con quelle di comitati locali e associazioni che evidenziano “un minimalismo che a volte rasenta l’idiozia” ha detto ancora Ciafani. Insomma Legambiente favorevole alla realizzazione di questa tipologia di impianti industriali che riesca a chiudere un cerchio rimasto aperto: quello della differenziata.

A Milazzo, in provincia di Messina, infatti, è rimasto sul tavolo, per l’opposizione dell’Amministrazione, l’impianto di trattamento rifiuti già annunciato da A2a a San Filippo del Mela e che potrebbe generare fino a 6 milioni di metri cubi di gas (il consumo di 5.500 famiglie) trasformando la frazione organica dei rifiuti derivante dalla raccolta differenziata in biometano mediante il trattamento di 75.000 tonnellate all’anno di frazione organica proveniente dalla provincia di Messina. L’impianto, però, rimane bocciato dall’amministrazione in quanto non rientrerebbe tra quelli previsti nella pianificazione del Piano d’Ambito di questa SRR “Messina Area Metropolitana”. Così nell’ attesa da Messina i rifiuti viaggiano per l’Isola alla ricerca della discarica (o dell’impianto) più vicini. Di questi impianti ne servirebbe almeno uno per provincia.

Comune di Messina – Rette, tributi e imposte, moratoria per famiglie e riduzioni per le imprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close