Corpo di Polizia Municipale di Messina, CSA, “Campanello d’allarme la revoca delle ferie e permessi in conseguenza dell’obbligo delle visite mediche”

Il Comune di Messina con circolare a firma della Segretaria Generale Carrubba ha notificato al personale del Corpo di Polizia Municipale presente negli elenchi previsti, l’obbligo a presentarsi a visita medica. Ciò che sconcerta però è il metodo con il quale vengono considerate revocate le ferie ed i permessi relativi al giorno previsto per la visita. E’ allo scopo di manifestare questa inadeguatezza che l’organizzazione sindacale scrive alla Segretaria generale e per conoscenza al Sindaco.

La revoca delle ferie e dei permessi già concessi, scrive l’O.S. ,avvenuta a seguito della notan° 200032/2022, che nella fattispecie dispone le convocazioni per le visite mediche ai sensi del D.lgs 81/08 insinua un campanello d’allarme all’interno della scrivente O.S. in merito alla gestione del personale tutto ed al conseguente rispetto dei sacrosanti diritti dei lavoratori.

Risulta, infatti, impensabile che nel periodo di ferie estive venga posto in essere un calendario di visite, con obbligo del lavoratore a presenziare a tale adempimento, senza considerare minimamente che la maggior parte degli stessi, nel periodo in questione, sono assenti per ferie già autorizzate o per altre assenze concesse ad altro titolo.

La scrivente O.S. ha più volte evidenziato la necessità di avere un nuovo medico competente così da garantire la sorveglianza sanitaria a tutela della salute dei lavoratori, ma rimane del tutto interdetta a fronte di una linea di condotta dell’Amministrazione che va a cozzare con quanto previsto dall’articolo 28 del CCNL, che prevede che le ferie autorizzate possano essere revocate solo ed esclusivamente per esigenze afferenti i servizi essenziali ed inderogabili ed in particolare con il diritto di ogni lavoratore di gestire la propria vita extralavorativa.

Si precisa inoltre che si potrebbe configurare un danno erariale in quanto è lapalissiano che le spese sostenute dai lavoratori, per ottemperare alla nota in oggetto, dovranno essere rese, così come previsto dalla normativa vigente e da sentenze della Corte di Cassazione in merito

Si richiede, pertanto, alle SS.LL. di apportare i dovuti cambiamenti alla nota di cui all’oggetto per consentire il giusto equilibrio tra interesse del Datore di lavoro ed esigenze dei lavoratori”.

Questa O.S. rimane in attesa di risposte concrete circa quanto evidenziato nella nota inviata alla Segretaria Generale e per conoscenza al Sindaco.

Comune di Messina – Rette, tributi e imposte, moratoria per famiglie e riduzioni per le imprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close