Omicidio piccola Elena, la madre ammette di averla uccisa da sola. La disperazione del padre: “Un mostro che non meritava mia figlia”

VIDEO – Controlli dei Carabinieri nel week end a Messina, 6 denunce.

La 23enne Martina Patti, nell’interrogatorio davanti al Gip di Catania, ha sostanzialmente confermato gran parte di quanto detto nelle dichiarazioni rese a carabinieri e procura, ribadendo di avere ucciso, da sola, la figlia Elena, di 5 anni, nel luogo in cui il corpo è stato ritrovato, “accompagnando la sua ricostruzione con molti non ricordo sulla dinamica che sembrano pretestuosi”.

In procura si sottolinea che “adesso non ci resta che attendere l’esito degli accertamenti tecnici, già sollecitati, e quelli dell’autopsia“.

E’, secondo quanto si apprende, la valutazione della Procura di Catania dell’udienza di convalida del fermo della donna per omicidio premeditato pluriaggravato e occultamento di cadavere.

Il Gip Daniela Monaco Crea si è riservata la decisione sia sulla convalida del fermo sia sull’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti della donna. La decisione dovrà essere depositata entro domani.

Da due giorni non parla con nessuno, è in carcere in isolamento guardata a vista dalla polizia penitenziaria Martina Patti.

“Sta bene, ma è molto provata e quando parla di sua figlia è travolta dall’emozione e piange”, dice il suo avvocato Gabriele Celesti che le ha parlato in videoconferenza, perché il previsto l’incontro con la sua assistita “non c’è stato” perché è “in isolamento fiduciario per le norme anti Covid”.

Parla invece il suo ex convivente, Alessandro Del Pozzo, che rompe il silenzio che si era imposto e lo fa per accusare Martina: “è un mostro – dice – non meritava una figlia come Elena, speciale e unica in tutto”. L’uomo, in una dichiarazione affidata alla sorella, accusa la mamma di Elena di avere commesso “un omicidio premeditato e studiato in ogni particolare” e di avere poi detto “24 ore di bugie”. L’avvocato Celesti ha letto le dichiarazioni di Del Pozzo ma preferisce, per il momento, glissare: “nessun commento – afferma – sono le dichiarazioni di un padre che meritano anche umana comprensione, non è questo il momento e la sede”.

Nessun riscontro, al momento, sull’ipotesi di un presunto aiuto che Martina potrebbe aver avuto per commettere il delitto o tentare di nascondere il cadavere, prima di simulare il rapimento della bambina da parte di un commando armato. E c’è anche il tema, sostenuto dall’accusa, della premeditazione, che l’avvocato Celesti riconduce a “ipotesi investigative”. Una tesi attaccata duramente dal padre della piccola, Alessandro Del Pozzo, che accusa l’ex compagna di avere commesso un omicidio “studiato in ogni particolare” e di “non essersi pentita di aver ucciso la bambina”. “Ha messo Elena dentro dei sacchi della spazzatura – aggiunge – l’ha sotterrata, si è ripulita e ha ripulito, ha inventato un sequestro creandosi un alibi e ha colpito la sua macchina per inscenare un’aggressione. Un omicidio in cui ci si crea pure un alibi e si occulta il corpo non può essere un raptus di pazzia!”. Alessandro Del Pozzo spiega che non aveva intenzione di rilasciare interviste, ma che ha ritenuto di parlare “reputandolo giusto farlo nei confronti di mia figlia”. “Sono distrutto – spiega – mi sento un vuoto dentro incolmabile, ho sempre promesso a mia figlia che l’avrei tenuta al sicuro come ogni buon padre farebbe, avrei dato la vita al posto suo, l’ho chiesto a Dio, ma non accetta sostituzioni! Non potevo mai e, dico mai – sottolinea – pensare che l’avrei dovuta proteggere proprio da sua madre. Martina è un mostro non meritava una figlia come Elena speciale e unica in tutto! Elena vive! Ogni giorno! Dentro il mio cuore…”.

amata web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close