Meloni a Messina, “Abbiamo bisogno di un sindaco che lavora, la città merita più di uno che dice parolacce in tv o di uno che corre dietro a Trump con le magliette “

VIDEO – Controlli dei Carabinieri nel week end a Messina, 6 denunce.

Travolgente Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, volata a Messina per sostenere il candidato Sindaco del centro destra Maurizio Croce. Accolta sul palco dall’onorevole messinese Elvira Amata, capogruppo all’ARS di Fratelli d’Italia, accompagnata dal Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci e dall’onorevole Ella Bucalo con Salvo Pogliese, coordinatore per Fratelli d’Italia della Sicilia orientale, la Meloni ha ricevuto l’applauso di una piazza Cairoli, al centro di Messina, gremitissima nonostante il sole e l’ora particolarmente calda.

Alle 12.45 Giorgia Meloni è, infatti salita sul palco ed ha subito aperto con una stoccata diretta e senza possibilità di interpretazioni, all’indirizzo dei due ultimi sindaci della città. “Messina ha bisogno di una persona che da sempre lavora nell’ambito dell’amministrazione e qui c’è bisogno di gente concreta. Ho avuto un nonno messinese e se penso a lui che era un siciliano tutto d’un pezzo, una persona di grande responsabilità e orgoglio, vedere oggi questa città rappresentata dagli ultimi sindaci quello che correva dietro a Trump con le magliette, o l’altro a cui sembra sufficiente dire le parolacce in televisione, credo che questa città meriti qualcosa in più“.

“La Sicilia, ha proseguito Meloni, ha una risorsa preziosa come il mare. Non bisogna dimenticarsene. Una risorsa che deve produrre e per farlo deve essere valorizzata. Bisogna fare una serie di cose che consentono al turisti di avvicinarsi più facilmente e poi c’è il tema delle merci. Il ponte è un’occasione, è un tema sul quale si è a lungo dibattuto, che racconta di un Italia nella quale le cose si pensano ma non si sanno fare. Questa era una civiltà – prosegue – che costruiva in dieci giorni ponti duemila anni fa che ancora stanno in piedi. E’ incredibile come ad un certo punto non siamo stati all’altezza della nostra storia. C’è anche tema generale delle infrastrutture, noi abbiamo tante peculiarità che come dicevo sono legate al tema del turismo. Questa è una regione dove l’amministrazione regionale ha fatto un ottimo lavoro, e oggi il tempo di permanenza medio di un turista è più alto di prima del Covid. Vuol dire che è stato fatto un buon lavoro ma oggi i turisti vogliono viaggiare in modo veloce e comodo lo si può fare ad per esempio sbloccando il porto di Trapani o definendo altre infrastrutture“.

Riguardo al sostegno della candidatura di Maurizio Croce, Giorgia Meloni ha detto “Noi abbiamo fatto una scelta tra quelle che ci proponevano, e alcune le abbiamo fatte anche noi, e quella di Croce ci è sembrata la più competitiva“.

MUSUMECI: “Ma che duello con De Luca, io sono il Presidente della Regione Siciliana”
DCIM\101MEDIA\DJI_0080.JPG

Presente all’incontro anche il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci che ha detto, “Ma quale duello con De Luca, sono il presidente della regione non mi metto a duellare. Stiamo aprendo quattro cantieri la settimana, siamo tra le prime stazioni appaltanti per il Sud, andiamo avanti a gonfie vele”. A dirlo il presidente della Regione Nello Musumeci Messina per appoggiare il candidato sindaco Maurizio Croce. Messina è  nei piani del governo regionale con un investimento che lambisce i 50 milioni di euro, sono queste le cose di cui hanno bisogno i messinesi. I sondaggi non si commentano – prosegue Musumeci- bisogna sempre prenderli con le pinze sia quando fanno piacere che quando dispiacciono naturalmente mi fa piacere che negli ultimi quattro sondaggi in sei mesi mi diano in vantaggio ma non bisogna cullarsi sugli allori ma lavorare giorno dopo giorno. Il sondaggio lo faccio quotidianamente in mezzo alla gente in giro per la Sicilia dove trovo tanta attenzione, rispetto e interesse. La gente ha capito che questo governo ha affrontato calamità straordinarie. In questi quattro anni e mezzo abbiano fatto tutto quello che potevano fare e lo abbiamo fatto tenendo lontane le procure della Repubblica mi sembra davvero un risultato significativo per questa terra

amata web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close