Coalizione Civica per Messina – “La scuola tra rigenerazione urbana e rigenerazione umana – per una comunità educante e un’educazione diffusa”

VIDEO – Controlli dei Carabinieri nel week end a Messina, 6 denunce.

Si è svolto ieri, sulla scalinata della passeggiata a mare, un intenso e partecipato dialogo su “La scuola tra rigenerazione urbana e rigenerazione umana”. Insieme ad Alessandra Minniti, assessora designata, a Pietro Patti, segretario FLC Cgil Messina, ad attivisti e candidate/i e di Coalizione Civica per Messina (Federico Alagna, Ivana Risitano, Mariella Valbruzzi, Aldo Trifiletti, Giulia Lanza, Dino Sturiale, Cesare Natoli, Silvana Salandra, Domenico Siracusano, Elena Scrima) abbiamo discusso di edilizia scolastica, di Patti educativi di comunità, di tempo pieno, di scuole aperte al territorio, di sostenibilità ambientale, di dispersione scolastica, di disuguaglianze sociali e formative, di sfruttamento dei minori in attività di mafia, di biblioteche per l’infanzia, di luoghi di aggregazione e socialità, di educazione alla cittadinanza, di mense scolastiche e asili nido comunali, di benessere psicologico, di didattica a distanza e scuola in presenza; abbiamo condiviso esperienze virtuose ed esperienze dolorose; abbiamo immaginato una città non più a misura di uomo, bianco, lavoratore e ricco, ma una città a misura di bambine/i e adolescenti, con spazi vivibili senza rischi, un’educazione diffusa, l’osmosi piena tra scuole e territori.

Quello della scuola è un tema spesso trascurato, oppure viene declinato in maniera paternalistica; noi lo abbiamo inserito nel programma elettorale di De Domenico Sindaco e in quello di Coalizione Civica, e lo abbiamo fatto declinandolo nella maniera che riflette la nostra storia politica e la nostra visione della società; con l’incontro di ieri la scuola, cuore pulsante della comunità, ha fatto pieno ingresso in questa campagna elettorale nella forma di un dibattito denso di spunti e proposte, ma soprattutto impregnato di una consapevolezza: bambini e bambine, ragazze e ragazzi, devono essere protagonisti della vita della città, che va pensata a partire dai loro occhi.

amata web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close