Montemare: le ragioni del ricorso esposte dal Comitato. “Voto del 12 giugno inaccettabile forzatura”

Le ragioni del ricorso presentato al TAR dal Comitato pro Montemare sono esposte in un testo pubblicato sulla pagina social. La vicenda sta infiammando i comitati contrapposti ed ecco perché lo pubblichiamo per intero.

REFERENDUM MONTEMARE. IL VOTO DEL 12 GIUGNO, UN’INACCETTABILE FORZATURA POLITICO-ELETTORALE NEI CONFRONTI DEI CITTADINI E DEL TERRITORIO.

La data del 12 giugno stabilita per il voto referendario sulla nascita del Comune Montemare rappresenta di fatto un’inaccettabile forzatura politico-elettorale nei confronti dei cittadini del nostro territorio.

Questa è l’analisi e la sintesi su quanto attualmente stabilito per portare a conclusione il lungo percorso che ha dovuto seguire e subire il Comitato in rappresentanza dei tanti cittadini, più di un terzo degli elettori residenti nei villaggi interessati allo scorporo è bene ricordare, per giungere infine ad ottenere un Referendum falsato ed inutile.

Si, proprio così, il Referendum Montemare, se si terrà nella data del 12 giugno insieme alle elezioni amministrative ed ai referendum abrogativi nazionali, non potrà portare in concreto alcun cambiamento per il nostro futuro.

Verrà meno infatti il motivo e lo spirito dell’introduzione del meccanismo del doppio quorum nella consultazione, che dovrebbe servire a valutare l’interesse vero da parte dei cittadini dei due ambiti nei confronti dell’iniziativa.

I due quorum del cinquanta per cento più uno degli aventi diritto saranno infatti raggiunti e superati automaticamente in entrambi gli ambiti chiamati in causa, senza che ci sia la vera intenzione di recarsi alle urne per esprimersi consapevolmente e motivatamente sulla questione.

La motivazione per presentarsi ai seggi sarà legata infatti, principalmente, alla scelta dei rappresentanti per il comune e per i quartieri in gara per la corsa alle amministrative e non al voto del Referendum su Montemare.

Il senso stesso della scelta referendaria verrà denaturato e svuotato del suo vero contenuto istituzionale, falsando, in particolare nell’ambito della rimanente parte della città non direttamente interessata allo scorporo, il risultato relativo al numero degli elettori presenti per tale finalità ai seggi.

Da ultimo, ma non meno importante, si assiste già quotidianamente alla diretta ed indebita politicizzazione del tema per meri fini di propaganda elettorale, evidente e sotto gli occhi di tutti, che nulla ha a che fare con la libera e consapevole scelta che i cittadini dovrebbero poter esprimere, senza alcun condizionamento politico da parte di chi certamente ha un diretto interesse affinché l’operazione referendaria fallisca.

Sono questi i principali motivi per i quali il Comitato Montemare Comune si oppone fermamente a questa sciagurata ed inopportuna decisione, da qualunque punto di vista la si voglia considerare.

A tal fine, nei giorni scorsi, è stato presentato ricorso al TAR di Catania, chiedendo intanto la sospensione del Decreto Commissariale n. 15/2022 e lo spostamento del Referendum ad una data diversa da quella ad oggi fissata del 12 giugno.

Montemare c’è…e soprattutto sarà…Comune Montemare!

Il Comitato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close