Il sindacato CISAL ha incontrato il candidato sindaco Federico Basile. Primo degli incontri con tutti i candidati

Si è svolto nel pomeriggio di oggi il primo degli incontri programmati tra il CISAL ed i candidati sindaci per Messina. Pietro Fotia, segretario generale per Messina, unitamente ai rappresentanti sindacali delle categorie di settore dei lavoratori, hanno incontrato il candidato Sindaco di Sicilia Vera, Federico Basile.

Presenti all’incontro erano Saro Contestabile, Giovanna Sciuto, Lillo Sturiale, Clara Crocè e Piero Foti . Rappresentati, quindi, i lavoratori dei settori degli Enti Locali, Regionali, Igiene ambientale, elettrici gas e acque, spettacolo, trasporti, servizi sociali, agricoli e pensionati.

I temi trattati sono stati quelli relativi all’incremento di occupazione nei settori rappresentati, con particolare riguardo alla salvaguardia occupazionale ed alle reali prospettive di stabilizzazione del precariato e dei contratti a tempo determinato, nel Comune e nella Città Metropolitana.

In particolare Basile si è soffermato sulla struttura comunale relativamente alle figure dirigenziali, al nuovo organigramma funzionale del Comune, alla Polizia Municipale, alla situazione attuale della Città metropolitana.

Un momento dell’incontro

Federico Basile ha ribadito il concetto che intenzione precipua della sua sindacatura è quella di portare avanti il lavoro fin qui svolto dalla precedente amministrazione, della quale lui stesso ne faceva parte in qualità di direttore generale, con l’intento di migliorare quanto già compiuto. In particolare Basile ha sottolineato che “nel programma della mia sindacatura c’è sicuramente un incremento delle posizioni dirigenziali con un occhio al comparto assunzionale sia degli amministrativi che della Polizia Municipale. Quest’ultimo, in particolare, vedrà un cambiamento di rotta rispetto alla situazione attuale”.

Altro punto nodale sul quale Basile si è soffermato è quello della lotta all’evasione dei tributi. “Pagare tutti per pagare meno non è una favola– ha detto Basile – ma una realtà incontestabile. A tal proposito intendo sottolineare che riguardo alla situazione attuale chiunque farà il sindaco della città di Messina non potrà che applicare le tariffe così come sono. Una calmierazione è prevedibile nel medio periodo. Riguardo alla lotta all’evasione il cambio di piattaforma telematica consentirà al Comune di far dialogare tra loro due banche dati che prima non avevano contatti: l’anagrafe ed i tributi.

Pietro Fotia ha poi chiesto chiarimenti sulla situazione delle partecipate e riguardo alla composizione dei CDA, con particolare riferimento alla necessità che vi sia “un maggior dialogo, stabile e continuativo, con il socio unico”. Basile ha ribadito che i tempi sono adesso maturi perché ciò sia possibile e che “la scelta dei cda rispetto all’amministratore unico si traduce di per sé in un risparmio oggettivo in termini di efficienza delle partecipate. In quanto la presenza dei CDA permettono un controllo altrimenti non conseguibile con l’amministratore unico. Se risparmiamo 30 o 40 mila euro adesso sopprimendo i cda, li pagheremmo di certo poi in qualità ed efficienza del servizio” ha concluso Basile.

Intervista a Federico Basile su incontro con CISAL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close