Eleme2022, Prima Circoscrizione: il candidato Presidente Francesco Greco denuncia manifesti elettorali abusivi e rilancia la richiesta di confronto con gli altri candidati.

VIDEO – Controlli dei Carabinieri nel week end a Messina, 6 denunce.

È indignato Francesco Greco, candidato Presidente della I Circoscrizione per il centrosinistra, in un video sulla sua pagina Facebook con il quale ha denunciato la presenza di irregolarità elettorali.

Sotto accusa è finito il Presidente uscente Giovanni Scopelliti, oggi candidato per il centrodestra, “per aver imbrattato tutto il quartiere con l’affissione dei suoi manifesti abusivi, in particolare è stata documentata la situazione sulla SS114 a Briga Marina, vicino al panificio e di fronte ai campetti accanto al Circolo U. Fiore”, riferisce Greco.

“Come è possibile che non abbia rispetto per le istituzioni e per la legalità proprio chi le dovrebbe rappresentare? La massima carica della nostra Circoscrizione dovrebbe essere il primo a dare il buon esempio! (…) I vostri candidati consiglieri hanno messo i manifesti pure dove vanno affissi quelli dei defunti! Non avete rispetto nemmeno dei morti!” afferma Greco.

“Mi aspetto che sia rivolta a questi casi di illegalità, la stessa solerzia con cui sono venuti a cercare aghi nel pagliaio contro i cittadini di Galati”. Il riferimento è al Ferragosto del 2020, “in cui una brace (spacciata per falò, con tanto di foto di repertorio) è stata oggetto dell’attenzione della Polizia Municipale.Ma non si ferma qui”. Greco rilancia il suo invito al confronto ai due candidati presidente avversari, ad una settimana di distanza dal primo invito ufficiale:“Sono ancora qui che aspetto una risposta. Né tu Giovanni Scopelliti, né Alessandro Costa, avete accettato ancora il mio invito a partecipare ad un confronto pubblico sui temi della I Circoscrizione! Cosa aspettate? Non credo abbiate paura di un giovane attivista di 26 anni, voi che siete dei politici navigati. Questi avvenimenti ci dimostrano come nelle periferie, dove l’illegalità diventa normalità, dobbiamo continuare a trovare la forza di indignarci e batterci per il rispetto delle regole” conclude Greco.

amata web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close