Si è insediato il “triumvirato” dei commissari. Santoro, “Messina come la Costa Concordia sugli scogli”

Un triumvirato, come qualcuno lo ha definito, il terzetto di commissari che si è insediato come da programma oggi pomeriggio al Comune di Messina e che di fatto subentra all’ex sindaco De Luca, agli assessori ed al Direttore Generale, tutti dimessosi quasi contemporaneamente. “Messina è come la Costa Concordia che qualcuno ha fatto finire sugli scogli” ha detto il commissario Leonardo Santoro, con al suo fianco i due sub commissari, il vice prefetto Francesco Milio e la dottoressa Mirella Vinci. Le parole di Santoro evocano, quindi, uno “Schettino“, che avrebbe la responsabilità dell’impatto contro gli scogli della “nave” Messina. L’analisi della situazione del Comune di Messina sarà particolarmente attenta circa le situazioni lasciate aperte, così come la lente di ingrandimento sulle partecipate, ha detto Santoro. Ma anche quella di traghettare la città verso le nuove elezioni, con particolare attenzione anche verso le problematiche emergenziali della città. Santoro sarà commissario anche della Città Metropolitana.

Non solo un traghettamento. La struttura commissariale ha il dovere di gestire le situazioni emergenziali e le criticità che potranno essere affrontate con i poteri ordinari che sono nostra peculiarità. Messina è una città che spesso presenta problemi ordinari che diventano straordinari per criticità. Mi auguro di ritrovare il sostegno nella Pubblica amministrazione a servizio della cittadinanza” ha detto Santoro. “Se le ferite della struttura comunale e delle partecipate dovessero essere talmente gravi da essersi cancrenizzata, allora la struttura commissariale può e deve intervenire con gli opportuni tagli” ha concluso Santoro riferendosi soprattutto alle società partecipate del Comune.

Comune di Messina – Rette, tributi e imposte, moratoria per famiglie e riduzioni per le imprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close