Primo trapianto al mondo di un cuore di maiale su un essere umano

Un 57enne con una gravissima malattia cardiaca è stato trapiantato con un cuore nuovo di zecca fatto crescere in un maiale geneticamente modificato: è una novità assoluta in campo medico che potrebbe cambiare le prospettive di vita di centinaia di migliaia di malati che necessitano trapianti di organi.

Si tratta del primo trapianto riuscito di cuore di maiale in un essere umano. L’operazione, durata otto ore, si è svolta venerdì a Baltimora, e il paziente, David Bennett Sr, oggi sta bene, hanno reso noto i chirurghi dell’ospedale dell’Università del Maryland.

“C’è polso, pressione, è un cuore”, ha commentato Bartley Griffith, responsabile del programma di trapianto cardiaco che ha eseguito l’operazione. Lo riferisce il New York Times

“Lavora e sembra normale. Siamo galvanizzati, anche se non sappiamo come andrà a finire: non è mai stato fatto prima”, ha aggiunto ancora Griffith.

l malato era praticamente terminale: ha deciso di sottoporsi all’operazione chirurgica, ancora sperimentale, perché non aveva alternativa né poteva aspettare il cuore di un donatore umano. E sapeva di essere in un vicolo cieco: “Morire o fare il trapianto. E voglio vivere. So che è un passo nel buio ma è la mia scelta definitiva”, ha detto prima dell’intervento chirurgico.

Bennett è ancora attaccato alla macchina che lo teneva in vita prima dell’operazione e la sua prognosi è incerta. Ma il suo nuovo cuore funziona e potrebbe essere staccato dalle macchine di supporto vitale nelle prossime ventiquattr’ore.

Il dato incoraggiante è che, dopo l’intervento, nelle prime 48 ore, che sono le più critiche, il suo organismo non ha dato segni di rigetto, nè di aver contratto eventuali infezioni dal suino.

L’operazione avvenuta nel Maryland ha un vago precedente perchè nei mesi scorsi alcuni chirurghi a New York trapiantarono un rene di un maiale geneticamente modificato in una persona cerebralmente morta. Sono anni in effetti che gli scienziati lavorano a tecnologie di editing genetico e agli xenotrapianti, i trapianti di organi e cellule da una specie diversa dall’uomo.

Negli anni 60, furono trapiantati in alcuni pazienti i reni di scimpanzè, ma il paziente più fortunato visse 9 mesi. Nel 1983, venne trapiantato un cuore di babbuino in un bimbo, ribattezzato Baby Fae, che però visse venti giorni appena.

I suini offrono il vantaggio di esser facili da allevare e raggiungono le dimensioni adatte a essere trapianti in un corpo umano in appena sei mesi.

Considerato che il rigetto è frequente anche con il trapianto da esseri umani, l’obiettivo di utilizzare animali ovviamente è quello di creare organi in numero sufficiente per rispondere alle esigenze delle migliaia di pazienti che ne hanno bisogno.

“Si tratta di un evento che è uno spartiacque”, ha commentato David Klassen, della United Network for Organ Sharing, un passato di chirurgo trapianti proprio nell’università in cui è avvenuto l’avveniristica operazione. 

Stanno iniziando a schiudersi porte che condurranno, io credo, a grandi cambiamenti nel modo in cui affrontiamo la carenza di organi”. Anche se ovviamente gli ostacoli non mancano e anzi, ha esortato, occorre mantenere i piedi per terra. “Eventi come questi possono essere amplificati dalla stampa, è importante mantenere una prospettiva. Ci vuole tempo per maturare terapie di questo tipo”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close