Milazzo: ex asilo comunale diventerà museo delle tradizioni marinare

Un museo delle tradizioni marinare nei locali dell’ex Asilo Calcagno, nel borgo di Vaccarella a Milazzo, in provincia di Messina.

A finanziarlo la presidenza della Regione, che ha dato il via libera allo stanziamento di un milione di euro. Il progetto esecutivo, redatto dall’Ufficio tecnico del Comune mamertino, ha già ottenuto il via libera da tutti gli enti competenti in sede di conferenza dei servizi.

«Avevo visitato la struttura – evidenzia il governatore siciliano Nello Musumeciqualche settimana fa, durante la mia visita ufficiale al Comune. In quell’occasione, avevo preso un impegno con il sindaco Pippo Midili di individuare una fonte di finanziamento, che adesso abbiamo trovato. In questo modo, da un lato recuperiamo un bene storico degli inizi del secolo scorso, da decenni inspiegabilmente nell’abbandono più totale, e dall’altro lo valorizziamo dando vita a un luogo di tradizioni marinare che in una città come Milazzo non può mancare».

La costruzione dell’Asilo Calcagno risale al 1903. Progettato dall’architetto Salvatore Richichi, già autore del Palazzo Municipale, fu realizzato con l’impegno del senatore Giuseppe Calcagno, tra i notabili più rappresentativi a inizio Novecento nella Città di Milazzo. La struttura, sottoposta a vincolo architettonico della Regione dal 1992, passò indenne il terremoto di Messina del 1908 e fu utilizzata come locali di emergenza per le esigenze del vicino Ospedale Civico. 

«Ancora una volta dalla sinergia istituzionale arrivano le risposte per la comunità. E, ancora una volta il presidente Musumeci dimostra di tenere in grande considerazione la città di Milazzo». Ad affermarlo il deputato di “Diventerà Bellissima”, Pino Galluzzo che esprime la sua soddisfazione per le risorse assegnate al Comune di Milazzo e plaude “all’operato dell’Amministrazione guidata dal sindaco Midili che sin da subito ha puntato su una progettualità mirata per il recupero di beni abbandonati ma soprattutto su un percorso di rilancio della città“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close