CSA, Fotia e Croce diffidano Regione, Asp ed ufficio Emergenza Covid a pagare i 300 medici impegnati”

“Non è concepibile che in un momento in cui la guerra contro il Covid e la sua recrudescenza vede impegnati sul fronte pandemico tutto il personale sanitario, con grande abnegazione e senso del dovere, la Regione Siciliana dimentichi di provvedere al giusto pagamento della retribuzione relativa al progetto conclusosi a giugno scorso di 300 medici ” lo dichiarano Pietro Fotia e Clara Crocé di CSA. “Siamo pertanto costretti a diffidare la Regione, l’ufficio emergenza Covid e l’ASP di Messina affinché si provveda. Questa omissione che rappresenta un oltraggio per i medici impegnati ogni giorno a salvare vite umane dal Covid, assunti dall’ASP, accade solo a Messina. Una mancanza imperdonabile mentre invece non ci si dimentica di pagare le altre figure professionali come amministrativi e biologi” continuano Fotia e Crocé. “I 300 medici dell’ASP di Messina hanno regolarmente presentato le fatture per la prestazioni effettuate. Un documento contabile a cui però è seguito nulla da parte dell’Ente competente alla liquidazione. Una dimenticanza? Di certo, come già abbiamo detto, imperdonabile visto che, tra le altre cose a Messina è stato anche conferito il premio come migliore Sanità Siciliana del 2021 per il progetto TAT (Tamponi a tappeto). Abbiamo chiesto alle Istituzioni competenti – concludono Clara Crocè e Pietro Fotia- un intervento a risolvere questa problematica affinché la sanità di Messina non diventi di nuovo un caso e dei giovani medici che mettono in pericolo quotidianamente la loro salute ricevano quanto loro dovuto, soprattutto in questo triste periodo che necessita sempre più di operatori della sanità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close