Articolo UNO, “Su MSBC e Social City insoddisfatti delle risposte. Dimissioni? Si sottovaluta il rischio il dissesto finanziario”

NOTA ARTICOLO UNO

Abbiamo preso atto delle risposte che l’Amministrazione Comunale ha inteso darci su Messina Sevizi Bene Comune e Messina Social City: le riteniamo insoddisfacenti, non tanto per noi quanto per la città. Su MSBC, oltre all’evidenza delle carenze del servizio di spazzamento, rimaniamo in attesa della validazione dei numeri “autocertificati” della raccolta differenziata. Rispetto alle politiche sociali, l’elenco di servizi e beneficiari non ha colto un punto che abbiamo posto e cioè con quali fondi, se bilancio o extrabilancio, vengono finanziati, per verificare il reale contenimento della spesa, più volte evocato. Rimane più che aperta la questione del controllo dell’efficacia e dell’efficienza dei servizi dentro il nodo del rapporto tra controllori (Amministrazione Comunale) e controllati (società partecipate).

Siamo, invece, preoccupati della condizione di estrema difficoltà in cui la nostra città rischia di trovarsi, nei prossimi mesi e nei prossimi anni, per le scelte e le decisioni assunte dal Sindaco De Luca. Dietro gli atteggiamenti scomposti e le sceneggiate social che preannunciano le ennesime dimissioni per Messina rischia di aprirsi un baratro.

Archiviate troppo facilmente dal Sindaco De Luca con un “risponderò punto su punto”, le osservazioni della Corte dei Conti sulla sostenibilità del piano di riequilibrio e, complessivamente, della condizione finanziaria del Comune pesano come un macigno sulle prospettive della città. La capacità di riscossione, il sistema della partecipate – tra disallineamento dei bilanci e soccorso finanziario -, la gestione del monte debitorio non sono questioni né semplici e né banali. Sarà complicatissimo rispondere alla Corte dei Conti e, se cosi fosse, il dissesto finanziario diventerà inevitabile.

Con la spada di Damocle del dissesto sulla testa del Comune il Sindaco che fa? Ci racconta che si dimetterà per candidarsi alla Regione, perché Messina andrebbe difesa meglio da Palermo. La realtà dei fatti è un’altra, legittima per carità, ma che andrebbe chiarita. De Luca sceglie di interrompere la sindacatura per provare a raggiungere un obiettivo ulteriore della sua personale carriera politica. Legittimo, lo ribadiamo, ma non ci racconti che lo si fa per il bene della città. La sensazione di tanti è quella di un Sindaco che fugge dalle proprie responsabilità.

Siamo francamente stufi, e con noi parte notevole della popolazione messinese. De Luca la smetta e ci sottragga a questo insopportabile stillicidio. Se pensa di fare altro, lo faccia. Messina non sopporterebbe ulteriori passi indietro o l’ennesimo teatrino del ritiro di dimissioni annunciate. Saranno poi gli elettori a valutare la responsabilità o l’irresponsabilità di un’intera esperienza amministrativa.

Messina ha bisogno di affidabilità. Serve finalmente un’operazione verità sui conti del Comune, che De Luca ha dichiarato più volte di avere fatto, ma che le osservazioni della Corte dei Conti smentiscono nei fatti. Messina ha bisogno di una nuova classe dirigente che la sappia guidare in una condizione che rischia di diventare emergenziale, anteponendo l’interesse generale a velleità di carriera e a smanie di protagonismo.

Non c’è più tempo da perdere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close