Tragedia a Ravanusa (Ag): esplode condotta gas: 7 dispersi di cui due bambini e due morti accertati. Aperta inchiesta

Il recupero di una delle vittime

Sono al momento 7 i dispersi, tra cui ci sarebbero due bambini, ma la notizia è controversa, e due morti accertati a Ravanusa in provincia di Agrigento, dove una condotta del gas è esplosa intorno alle 20.30 di ieri sera ed ha fatto crollare una palazzina e trasformato due vie in uno scenario simile ad una zona di guerra. Tra i dispersi vi è anche una donna di 30 anni che è incinta. Si alternano momenti di silenzio assoluto, ogni 30 minuti, imposti dai Vigili del Fuoco che tendono le orecchie per avvertire eventuali lamenti che potrebbero giungere da sotto le macerie. Poi per i trenta minuti successivi si torna a scavare ed i generatori del corpo dei vigili si riaccendono per rischiarare la zona che adesso è illuminata dalle prime luci del mattino. Molti i volontari che si contano intorno ai 250 compresi i soccorritori intervenuti e compresa la Protezione Civile con il suo capo, Cocina che è intervenuto sul posto.

Due le vittime, un uomo estratto da sotto le macerie della palazzina dove abitavano 9 persone e due nell’altra attigua. L’altra vittima estratta è una donna. Riguardo i due bambini dispersi sono contrastanti le notizie: il sindaco di Ravanusa, Carmelo D’Angelo ha dichiarato che “non ci sono bambini tra i dispersi”, ma la notizia non sarebbe al momento confermata dai vigili del fuoco.

Molte le reazioni politiche tra le quali i post di Elvira Amata, Giancarlo Cancelleri ed Ignazio Corrao che hanno dato la notizia nell’immediatezza.

Questo è il momento dei soccorsi. Domattina, quando interverrà la squadra speciale dei vigili del fuoco da Palermo, interverrà anche la Procura. Al momento abbiamo notizie di dispersi, dobbiamo aspettare e capire” ha detto Luigi Patronaggio, procuratore capo di Agrigento lasciando intendere che, come è ovvio, la Procura aprirà un fascicolo di inchiesta su quanto accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close