LIBRI – “UN SOLO ROGO D’ANIMA E DI CARNE. Nino Ferraù: lettere d’amore a Maria”. Il poeta inedito svelato da Luciano Armeli Iapichino

UN SOLO ROGO D’ANIMA E DI CARNE. Nino Ferraù: lettere d’amore a Maria” (1957-1959), Armenio Editore, dicembre 2021.

E’ pronto il primo volume sulla storia d’amore tra il poeta Nino Ferraù e la moglie Maria Marchese Ragona, raccontata attraverso le centinaia di lettere inedite, finalmente raccolte e ordinate dopo sessant’anni grazie alla pazienza di Luciano Armeli Iapichino, scrittore di Galati Mamertino e la costanza, la perseveranza e l’amore di Pippo Ferraù, il fratello novantenne del poera.

La storia è quella intima, personale e speciale tra uno dei più stimati aedi siciliani del Secondo dopoguerra, Nino Ferraù, e una bellissima ragazza agrigentina, musa raffinata, Maria, che resterà al suo fianco per tutto il resto della sua vita.

Maria Marchese Ragona, moglie del poeta Nino Ferraù

Un lavoro lungo e complesso che i curatori, lo scrittore Luciano Armeli Iapichino e il Prof. Antonio Baglio (UniMe), presenteranno al grande pubblico dopo le festività natalizie e nell’ambito di un simposio in cui verranno chiamati a raccolta accademici ed esperti isolani per confrontarsi sulle parabole esistenziali dei maggiori letterari di questa terra.

Galati Mamertino, Messina

Un evento culturale eccezionale in cui Nino FERRAÙ “si affiderà” alle più importanti voci del suo tempo (raccontate da relatori d’eccezione) per celebrare il suo amore per Maria.
Una fetta di tempo storico, quello degli anni Sessanta, visto con gli occhi di un intellettuale e dell’amore, restituito in tutte le sue sfumature in questo epistolario sopravvissuto grazie alla lungimiranza del fratello di Nino, Giuseppe Ferraù.

Grazie Pippo“, sottolineano Armeli Iapichino e Antonio Baglio.

Pippo Ferraù ed il prof. Baglio
Pippo Ferraù ed il prof. Baglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close