Covid, nuove misure – Niente feste pubbliche fino a capodanno

Il Consiglio dei ministri ha approvato all’unanimità il decreto Covid di Natale con le nuove “misure per il contenimento dell’epidemia da Covid-19 e per lo svolgimento in sicurezza delle attività economiche e sociali”. Il governo, seguendo le indicazioni emerse dalla cabina di regia, vara il giro di vite per contrastare Omicron. Dal primo febbraio la validita’ del green pass sara’ ridotta da 9 a 6 mesi. Al cinema, al teatro e agli eventi sportivi solo con le FFP2. Il periodo per la terza dose vaccinale scende a 4 mesi. Servira’ il pass anche per la consumazione al banco dei bar.

La validità del green pass scende da 9 a 6 mesi a partire dal 1 febbraio, terza dose del vaccino dopo 4 mesi, obbligo di mascherine all’aperto anche in zona bianca, green pass obbligatorio anche per consumare al banco di bar e ristoranti e fino al 31 gennaio divieto di feste o eventi che implichino assembramenti all’aperto.

Durata green passDal 1 febbraio 2022 riduzione della durata del green pass vaccinale da 9 a 6 mesi. Inoltre, con ordinanza del Ministro della salute il periodo minimo per la somministrazione della terza dose sarà ridotto da 5 a 4 mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario. Si attende approfondimento tecnico

Obbligo di mascherine

Viene previsto l’obbligo di mascherine all’aperto anche in zona bianca. Inoltre, viene introdotto l’obbligo di FFP2 in cinema, teatri e per eventi sportivi, nonche’ sui mezzi di trasporto (anche TPL).

Ristorazione e consumo di cibi e bevande:Fino al 31.01 si prevede l’estensione dell’obbligo di green pass rafforzato (2G solo per vaccinati e guariti) alla ristorazione al chiuso anche al banco. Inoltre, si vieta il consumo di cibi e bevande, al chiuso, in cinema, teatri e per eventi sportivi

Feste all’aperto e discoteche

Fino al 31 gennaio divieto di eventi e feste che implichino assembramenti all’aperto.

Alla Cabina di regia convocata dal presidente del Consiglio, Mario Draghi con i capi delegazione dei partiti di maggioranza partecipano anche il presidente del Consiglio superiore di sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico, Franco Locatelli, e il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro.Secondo quanto riferito, nel corso della riunione sono stati illustrati dai tecnici i dati di diffusione della variante Omicron che risulta essere al 28,2 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close