No green pass in piazza Duomo a Messina. Ultimi … resistenti. Obiettivo? Arrivare alla vittoria sul Covid a spese di chi si è vaccinato?

Non folla oceanica, ma neanche quattro gatti… Un affiatato gruppo di persone che resiste … ancora.

Resiste al sistema del green pass e delle campagne vaccinali, unici baluardi, è inutile ed impossibile dire il contrario, pur ricordando che ognuno è libero di pensare il contrario.

Ma se la “dittatura”, quella di cui i green pass parlano esistesse davvero? Se fosse come si sostiene nelle ideologie propalate sui social probabilmente neanche oggi ci sarebbe stata alcuna manifestazione, così come nessuna foto. Peraltro senza mascherina ed in pieno assembramento.

Insomma la parola d’ordine è resistere. Una parola condotta ormai quasi disperatamente e fino all’ultimo da chi magari ha pensato di poter ottenere voti e candidature. A tutti i costi, anche gettando fango su Governo e Giornalisti, definiti terroristi, o propagatori di fake news… (NOI?), o, peggio, “pagati” per diffondere le notizie della “dittatura sanitaria”. Questo un fake assoluto e facilmente dimostrabile. Calunnie urlate da parte di chi magari “giornalista” si spaccia pur non essendolo.

E allora… Resistere nonostante l’ultimo atto: la sospensione del giudice Giorgianni da incarico e stipendio per decisione del Consiglio Superiore della Magistratura. Resistere almeno finché il VACCINO, perché di questo si tratta e non di “siero”, non sarà obbligatorio.

La strategia? Arrivare in fondo, al momento in cui il green pass non sarà più richiesto perché avremo guadagnato quell’immunità di gregge conquistata da chi il vaccino lo ha fatto. Una vittoria di cui godrà anche chi non ha rischiato nulla e si è nascosto dietro la parola più bella del mondo: “libertà”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: