Risanamento: soggetto attuatore ARISME con Invitalia. Cacciotto, “Si intervenga anche valorizzando periferie”

La notizia che il Prefetto di Messina, Commissario Straordinario per il risanamento, ha nominato i soggetti attuatori per dare il via alla cancellazione delle baracche, è certamente una notizia importante e significativa nel processo di risanamento della città perché ne segna di fatto il vero punto di partenza“. Lo scrive Alessandro Cacciotto, consigliere della III^ Municipalità del Comune di Messina, che ne prende atto.

risanamento
Risanamento – Due mesi dalla nomina del Commissario, manca piano di interventi sbaraccamento. Gioveni chiede Consiglio straordinario con il Prefetto

Ma chi sono i soggetti attuatori: “Arisme ed Invitalia – continua Cacciotto – sarebbero i principali soggetti attuatori, con la prima ad occuparsi principalmente di reperire gli alloggi e la seconda a reperire risorse ed occuparsi delle opere di demolizione delle baracche, della bonifica e della riqualificazione“.

Quindi la palla del risanamento ritorna di fatto in mano al Sindaco di Messina ed alla sua amministrazione, seppur sotto il controllo e la sinergia di Invitalia, Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A., un’agenzia governativa italiana costituita come società per azioni e partecipata al 100% dal Ministero dell’economia e delle finanze.

In ogni caso un sottolineo non da poco, che ne cristallizza la responsabilità attuativa. A cominciare dalle casette di Sottomontagna ricolme di rifiuti e con le fiamme per incendi di spazzatura che si innalzano almeno una volta a settimana.

cronaca
Incendio di rifiuti in un’altra baracca. Intervento dei vigili del fuoco

Ed infatti Cacciotto afferma: “L’auspicio è che adesso si possa correre verso la demolizione di una vergogna nazionale, le baracche, consegnando agli aventi diritto una casa e riqualificando il territorio. Contemporaneamente sarebbe auspicabile che l’amministrazione comunale iniziasse un contestuale processo di “considerazione” delle periferie  da affiancarsi allo sbaraccamento. Decentramento dei servizi, cura del verde pubblico, rifacimento e manutenzione strade e marciapiedi, centri di aggregazione per ragazzi ed anziani, spazzamento, igienizzazione, disinfestazione di strade, tanto per fare alcuni esempi, non sono affidati al Prefetto ed a leggi speciali ma all’Amministrazione Comunale ed all’ordinario

cacciotto
Alessandro Cacciotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: