Operazione “barbecue”: sequestri di carni suine lavorate per mancanza dell’indicazione del luogo di provenienza

Operazione “barbecue”

sequestri di carni suine lavorate per mancanza dell’indicazione del luogo di provenienza

ROMA, 12 AGO – Nei giorni scorsi, i militari del Reparto Tutela Agroalimentare (RAC) di Parma, hanno proseguito i controlli della filiera zootecnica e dei marchi di qualità ispezionando diversi salumifici e prosciuttifici al fine di constatare la corretta etichettatura in ottemperanza a quanto disposto dal Decreto Ministeriale 6 agosto 2020. La norma prevede l’indicazione del luogo di provenienza della carne suina (macinata, separata meccanicamente e preparazioni). Riscontrate irregolarità in alcuni salumifici delle provincie di Bologna, Piacenza, Reggio Emilia e Verona, sequestrando complessivamente 5.336 chilogrammi di carne suina lavorata (salame, culatta di prosciutto, pancetta, tranci di coppa, guanciale) del valore di 56.100 euro. Sono state inoltre elevate diffide e sanzioni per 5.500 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: