La Sicilia in tempo reale

 

IN SICILIA COOP LASCIA A RADENZA. PER LA CGIL E LA FILCAMS MESSINA “NON SI PERDANO RETRIBUZIONE E POSTI DI LAVORO”

IN SICILIA COOP LASCIA A RADENZA. PER LA CGIL E LA FILCAMS MESSINA “NON SI PERDANO RETRIBUZIONE E POSTI DI LAVORO”

 
15 luglio 2021 – Ieri mattina si è svolto l’incontro con il quale Coop Alleanza 3.0. ha presentato alle parti sindacali il suo interlocutore commerciale: il gruppo Radenza, una holding che controlla altre quattro società. Nel messinese viene coinvolto l’ipermercato all’interno del Parco Corolla di Milazzo che ha una superficie di circa 6mila metri quadri.
Nonostante sia stata annunciata una riduzione complessiva del 35,1% della superficie degli spazi espositivi sull’intera rete siciliana, Milazzo non verrà toccata. Si è parlato di esuberi, però. Un anno fa si aggiravano intorno a 350 full time equivalent in Sicilia. Oggi sono 194 su quasi mille tra lavoratrici e lavoratori e 22 per Messina su oltre cento dipendenti. “Il tavolo ha fatto emergere prospettive di crescita e di mantenimento delle condizioni contrattuali e retributive – comunicano Giovanni Mastroeni e Giselda Campolo, rispettivamente segretario generale della CGIL e della Filcams di Messina – ma i 22 esuberi dichiarati sull’IperCoop del Parco Corolla di Milazzo sono circa un terzo del personale coinvolto nella nostra provincia. E questo ci lascia preoccupati per la salvaguardia occupazionale e fermi sulla posizione che qualunque operazione non deve comportare costi per i lavoratori.Non si dovrà perdere nemmeno un posto di lavoro né permettere alcuna forma di riduzione del salario”.
L’intento è di assorbirli entro il 2024 grazie a un potenziale trend di crescita del 5% annuo e attraverso il ricorso alla Cassa Integrazione Straordinaria per 24 mesi. Ancora aperta una trattativa delicata iniziata un anno fa, quando la più grande cooperativa europea per numero di soci aveva annunciato la volontà di lasciare la Sicilia, proponendo che subentrasse un soggetto imprenditoriale creato ad hoc che non aveva convinto le lavoratrici, i lavoratori e i sindacati in agitazione e con forte preoccupazione per il mantenimento di tutele e garanzie occupazionali. In quell’occasione si era fatto un passo indietro e si era aperta la trattativa tra Coop e i sindacati.
Ma la decisione di Alleanza 3.0, sulla sorte di una rete vendita che comprende sette ipermercati e cinque supermercati, resta quella e oggi abbiamo il nuovo competitor interessato, il gruppo Radenza, appunto, che detiene attualmente il marchio CRAI, con circa 450 milioni di fatturato e 40 milioni di patrimonio netto. “Coop non è il primo colosso della GDO a lasciare l’isola – continuano Mastroeni e Campolo – e, nonostante la forte presenza delle organizzazioni sindacali ai tavoli, nella quasi totalità dei casi non è stato possibile invertire il disinvestimento delle grandi aziende sul territorio. È un’evidenza di cui la politica si deve far carico. Messina e la Sicilia devono tornare una terra attrattiva per i capitali e per quelle aziende che applicano con trasparenza i contratti e la normativa se vogliamo attuare una efficace lotta alla povertà retributiva e dei diritti”.
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: