DDL INCLUSIONE, AMATA (FDI): “NORME  NON RISOLVERANNO CONCRETAMENTE LE QUESTIONI FONDAMENTALI, NON SI CONOSCE IL NUMERO DEI SOGGETTI DA ASSISTERE”

DDL INCLUSIONE, AMATA (FDI): “NORME  NON RISOLVERANNO CONCRETAMENTE LE QUESTIONI FONDAMENTALI, NON SI CONOSCE IL NUMERO DEI SOGGETTI DA ASSISTERE”

 

 

Palermo, 21 luglio 2021 – “L’approvazione ieri a Sala d’Ercole del ddl su accoglienza e inclusione ha fatto sollevare un coro unanime di soddisfazione che non condividiamo affatto”. Lo dice in una nota Elvira Amata, capogruppo di Fratelli d’Italia all’Ars. “Le norme approvate, che sarebbero secondo alcuni partiti un passo importante sul terreno del rispetto dei diritti fondamentali di ciascun essere umano, in realtà non risolveranno concretamente le vere questioni fondamentali, come per esempio la massa di esseri umani che si muove dal Sud del mondo per tentare una vita migliore in Europa – sottolinea Amata –. La Sicilia è da sempre terra di accoglienza e i fenomeni di razzismo ed intolleranza sono davvero molto rari, ma l’applicazione di queste norme sarà di difficile attuazione anche perché oggi non si conosce il numero dei soggetti ai quali dare l’assistenza prevista dalla legge. Fratelli d’Italia – aggiunge Amata – sostiene da sempre il blocco navale e inoltre la realizzazione di hotspot in Libia aiuterebbe certamente a valutare chi sono davvero gli aventi diritto. Infatti, nel ddl si parla di ”tutti i richiedenti” – sottolinea Amata – e a molti sfugge che i temi della necessità di lavoro e dei servizi sociali legati alla famiglia e all’esigenza abitativa riguardano ancora tantissimi siciliani che si trovano in uno stato di fortissimo disagio. Ricordo che pochi giorni fa abbiamo approvato il ddl sulla povertà proprio per venire incontro alle esigenze e ai bisogni dei nuovi poveri, tutti senza distinzione, che la pandemia inevitabilmente ha fatto aumentare”, conclude. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: