La Sicilia in tempo reale

 

Una via in memoria di Norma Cossetto, vittima delle foibe. La proposta di Libero Gioveni

Una via in memoria di Norma Cossetto, vittima delle foibe. La proposta di Libero Gioveni

 

8 giugno

Norma Cossetto, studentessa universitaria istriana, fu torturata, violentata e gettata in una foiba. Uccisa dai partigiani di Josip Broz, meglio conosciuto come Maresciallo Tito, nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 1943 è spesso ricordata come simbolo della violenza di quei giorni di fine guerra. Le foibe sono voragini rocciose a forma di imbuto rovesciato, create dall’erosione di corsi d’acqua, tipiche della zona carsica.
La sua storia è emblematica dei drammi e delle sofferenze delle donne dell’Istria e della Venezia Giulia negli anni dal 1943 al 1945. Colpevoli spesso di essere mogli, madri, sorelle o figlie di persone ritenute condannabili dal regime, molte donne in quegli anni vennero catturate al posto dei loro congiunti, usate come ostaggi o per scontare vendette personali. A Norma Cossetto, Libero Gioveni, consigliere comunale di Messina in Fratelli d’Italia, propone, con una mozione, di intitolare uno slargo, una via, una piazza nella città dello Stretto. 

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: