La Sicilia in tempo reale

 

STRADE SICURE, AVVICENDAMENTI IN SICILIA

STRADE SICURE, AVVICENDAMENTI IN SICILIA

I Reggimenti della Brigata “Aosta” si alternano nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”.

 

21 giugno

Nei giorni scorsi è avvenuto il passaggio di consegne alla guida dei Raggruppamenti “Sicilia Orientale” e “Sicilia Occidentale” nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”. Nella parte orientale dell’isola il 62° Reggimento Fanteria “Sicilia” ha ceduto la responsabilità dell’operazione al 24° Reggimento artiglieria terrestre “Peloritani”, mentre ad occidente i genieri del 4° Reggimento sono subentrati ai Lancieri d’Aosta.

I passaggi di consegne sono stati sanciti nel corso del rispettivi back brief in modalità videoteleconferenza al quale ha partecipato il Comandante delle Forze Operative Sud, Generale di Corpo d’Armata Giuseppenicola Tota.

Il Colonnello Paolo Divizia, nel cedere le consegne del Raggruppamento “Sicilia Orientale” al parigrado Salvatore Russo, ha illustrato il bilancio dei diciotto mesi di attività operative condotte nella Sicilia orientale, dove 400 militari dell’Esercito sono costantemente impiegati e garantiscono la sicurezza nelle province di Catania, Messina e Ragusa, in concorso alle Forze di Polizia, per la vigilanza di infrastrutture e siti sensibili quali porti, aeroporti, piazze, stazioni ferroviarie, Tribunali e Centri di Accoglienza.

Nel corso del lungo periodo, particolarmente impegnativo a causa della crisi epidemiologica che ha determinato un costante aumento delle attività di controllo del territorio, sono state circa 110.000 le persone identificate e circa 32.000 i veicoli controllati, oltre al sequestro, di armi da fuoco, munizioni e sostanze stupefacenti.
Con le stesse modalità è avvenuto il passaggio di consegne del Colonnello Antonino Longo che ha ceduto il comando del Raggruppamento “Sicilia occidentale” al parigrado Mario Rea.

 

 

 

Dopo 7 mesi di intensa attività operativa a Palermo, e nelle provincie di Trapani, Caltanissetta e Agrigento, compresa l’isola di Lampedusa, i Lancieri hanno presidiato infrastrutture strategiche, siti sensibili e centri di accoglienza, effettuando anche attività di controllo del territorio in concorso alle Forze dell’Ordine e alla Protezione Civile per la gestione dei varchi dei maggiori hub vaccinali, per garantire l’accesso ordinato e in sicurezza delle persone da vaccinare.

Tra gli esiti più significativi delle molteplici attività si evidenziano il controllo di circa 10.000 autoveicoli, l’identificazione di oltre 45.000 persone, l’esecuzione di un centinaio di interventi di ordine pubblico, che hanno portato all’arresto di 8 persone e alla denuncia di circa 130.
Questi numeri attestano l’impegno quotidiano dell’Esercito nell’Operazione “Strade Sicure” in Sicilia, uno sforzo ripagato dalle attestazioni di stima e riconoscenza ricevute dalle autorità Prefettizie e dai rappresentanti degli enti locali, ma soprattutto dal senso di gratitudine espresso costantemente dai cittadini dell’isola.

In occasione dei back brief il Generale Tota ha ringraziato il Col. Divizia e il Col. Longo per l’ottimo lavoro e ha espresso la piena soddisfazione per gli esiti che l’Operazione ha avuto fino ad oggi in una regione particolarmente delicata come la Sicilia e ha rivolto gli auguri di buon lavoro al Colonnello Rea e al Colonnello Russo i quali affronteranno un periodo molto intenso e delicato, anche per le condizioni climatiche della stagione estiva.

 

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: