La Sicilia in tempo reale

 

Confcommercio e Confali presentano “Germogli”: sabato in piazza Duomo per avvicinare i giovani ai prodotti della terra

Confcommercio e Confali presentano “Germogli”: sabato in piazza Duomo per avvicinare i giovani ai prodotti della terra

 

 

 

Messina, 26 maggio – La crescita delle vendite al dettaglio, appena il 7,4%, non compensa la flessione della ristorazione, che ha subito un calo del 42%. Parte da qui l’ultimo Rapporto Ismea che analizza l’impatto sul settore agroalimentare del Covid-19. “Un impatto devastante che ha messo in crisi una intera filiera agricola ed enogastronomica” come dichiara Sabrina Assenzio, commissario di CONFALI. 

A farne le spese in particolare vasti settori produttivi come quello vinicolo. In base ad uno studio portato avanti da Ismea e Wine Meridian il comparto presenta perdite pari al 40%. 
Causa principale la riduzione delle vendite dei  prodotti nel canale Horeca (hotel, restaurant and café), bloccato per mesi dalle chiusure, che ha provocato il blocco totale della domanda da parte di questo canale distributivo,  che per il 92% delle aziende intervistate resta quello principale. 

A subire i danni della crisi, ovviamente, non è stato solo il mondo della produzione, ma anche quello del commercio del vino, come testimoniano le risposte di oltre 100 buyer intervistati, la metà dei quali ha stimato perdite tra il 20% e il 30%, alcuni anche più  del 50%.
” Per non parlare poi – prosegue la Assenzio – di ciò che riguarda i prodotti agricoli locali, agrumi in testa . Una perdita gravissima che si mescola al rischio, non solo di un ulteriore crollo dei prodotti di pregio, ma al depauperamento culturale del nostro territorio, fatto di biodiversità ed eccellenze del settore agroalimentare, PMI di produttori, che rischiano di perdere il proprio lavoro, mentre noi rischiamo di far scomparire interi borghi della nostra provincia”.
“La crisi della filiera – spiega Carmelo Picciotto presidente di Confcommercio – manifesta ancora una volta, semmai ce ne fosse di bisogno, il ruolo chiave dei pubblici esercizi che restano l’ultimo baluardo contro la corsa al prodotto di massa. I pubblici esercizi sono quelli che oggi fanno la differenza nella promozione e commercializzazione dei prodotti del territorio, sono quelli che diffondono cultura e tradizioni enogastronomiche, raccontando millenni di storia, e fanno educazione al consumo consapevole”. “Oggi che anche le scuole hanno perso il contatto con le aziende presenti sul territorio a causa del covid – conclude Sabrina Assenzio – è fondamentale rinsaldare il legame tra i più piccoli e la filiera. Per questo sabato 5 giugno porteremo in piazza Duomo il progetto Germogli, un’idea che nasce proprio con l’intento di avvicinare i ragazzi alla nostra terra e ai nostri semi autoctoni e porre le basi per un futuro consapevole”. 
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: