La Sicilia in tempo reale

 

Azione sul rilancio culturale metropolitano: potenziare la rete bibliotecaria

Azione sul rilancio culturale metropolitano: potenziare la rete bibliotecaria

Messina, 17.05.2021 – «Se si osserva il nostro contesto metropolitano i risultati sono ancora troppo deboli per testimoniare un efficace ed efficiente rilancio culturale. Bisogna sicuramente intervenire sulla conservazione e valorizzazione delle risorse già a disposizione degli enti locali e metropolitani, tra cui la rete bibliotecaria “confederata” nell’SBR – Polo Messina», afferma Antonino Mangano, membro del Coordinamento Provinciale di Azione Messina e Referente del Gruppo Territoriale Villafranca Tirrena in Azione.

Il progetto è stato presentato alla Dirigente Servizi Generali Politiche di Sviluppo Economico e Culturale, al Responsabile del Servizio Cultura della Città Metropolitana di Messina e al Sindaco Cateno De Luca, e si pone l’obiettivo di intervenire sul riassetto del sistema bibliotecario metropolitano, considerando gli aspetti economici e gestionali del servizio, per garantire una maggiore e più agevole circolazione del patrimonio librario tra i Comuni, effettuare un’analisi mirata delle necessità del servizio e un intervento a livello Regionale per rivedere priorità e obiettivi del comparto culturale siciliano. «L’attenzione per gli aspetti gestionali e per la efficiente allocazione delle risorse rappresentano elementi distintivi dell’idea che Azione ha per apportare un vero cambiamento nel modo di amministrare la Cosa Pubblica», continua Mangano.

«A ogni campagna elettorale, l’ambito culturale diventa tema centrale per essere poi puntualmente dimenticato insieme alla sua importanza educativa, di conservazione del patrimonio culturale e per le opportunità di impiego per le professionalità specializzate in amministrazione, beni culturali e archivistici»

«L’interlocuzione con le istituzioni metropolitane sarà funzionale a trovare un essenziale punto di partenza per lavorare a un apporto deciso al rilancio culturale del territorio e alla sua gestione più meticolosa», conclude Mangano.

 

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: