La Sicilia in tempo reale

 

La Sicilia con RT 1 rimane in zona arancione, con l’incidenza più bassa in Italia

La Sicilia con RT 1 rimane in zona arancione, con l’incidenza più bassa in Italia

 

2 marzo 2021

La cabina di regia del premier Mario Draghi con i ministri sul prossimo decreto Covid è anticipata alle 12. Il Presidente del Consiglio alle ore 14.00 terrà una conferenza stampa presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio. Nelle ultime 24 ore quasi 24 mila tamponi positivi e altri 460 morti.

La Sicilia, rispetto ai numeri nazionali, resta in coda alla classifica dei contagi nelle regioni. Un indice di RT intorno ad 1 che sembra stabile e che confermerebbe la zona arancione.

Intanto le regioni si preparano a un altro weekend blindato, tutte in zona rossa o arancione come da decreto (con la Sardegna ex bianca e ora arancione), mentre oggi il monitoraggio settimanale dovrebbe permettere il passaggio alla fascia arancione del Lazio. In bilico il Veneto, la Lombardia dovrebbe restare nella zona rossa mentre la Toscana spera di uscire dall’area di massima restrizione. In Valle d’Aosta, invece, si ipotizza di anticipare la zona rossa già da sabato, con un Rt balzato a 1,75 (quasi due contagiati per ogni infetto) e 291 positivi su 100 mila abitanti (la soglia massima prima del rosso automatico è di 250). Sono al vaglio misure per limitare gli spostamenti e gli assembramenti nel fine settimana. “Da lunedì saremo certamente in zona rossa”, dice il governatore Erik Lavevaz.
    Sui controlli delle forze dell’ordine, che sulle strade non sono apparsi in questo periodo paragonabili a quelli del lockdown del marzo 2020, si inserisce una sentenza del Gup di Milano Alessandra Del Corvo, che ha assolto “perché il fatto non sussiste” un 24/enne a processo per aver mentito nell’autocertificazione. Il giovane era accusato di falso a seguito di un controllo proprio un anno fa, ma il giudice ha stabilito che “un simile obbligo di riferire la verità non è previsto da alcuna norma di legge” e, anche se ci fosse, sarebbe “in palese contrasto con il diritto di difesa del singolo”, previsto dalla Costituzione. La stessa procura aveva chiesto l’assoluzione.

Share Post
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: