La Sicilia in tempo reale

 

Dopo quattro morti, gli esperti norvegesi ritengono che il vaccino di AstraZeneca possa essere interrotto per sempre

Dopo quattro morti, gli esperti norvegesi ritengono che il vaccino di AstraZeneca possa essere interrotto per sempre

 

26 marzo 2021 – Fonte GLOBAL TIMES

Dopo l’interruzione della vaccinazione a causa di un’indagine sui gravi effetti collaterali del vaccino AstraZeneca e sui possibili decessi, la disponibilità dei norvegesi a vaccinare è diminuita dell’11%. Allo stesso tempo, la variante britannica più contagiosa sembra essere diventata quella dominante nel paese scandinavo.

Mentre l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha valutato il vaccino AstraZeneca come sicuro e diversi paesi dell’UE hanno ripreso la vaccinazione, alcuni paesi scandinavi continuano a resistere in attesa di indagini proprie.

La Norvegia, dove quattro persone sono morte dopo aver ricevuto l’iniezione di AstraZeneca e una su 20.000 ha sviluppato gravi effetti collaterali, sta ancora studiando una connessione più ampia. Diversi esperti hanno sostenuto da allora che sarà difficile riprendere l’uso di AstraZeneca dopo una pausa.

Frode Forland, direttore del controllo delle infezioni presso l’Istituto norvegese di sanità pubblica, ha definito gli eventi “molto gravi”, sottolineando che è in serbo un’indagine approfondita. Forland ha citato un recente studio condotto dall’Università di Tromsø che ha indicato un probabile legame tra la vaccinazione e i gravi effetti collaterali, inclusa una forma insolita di disturbo della coagulazione che ha portato alla coagulazione del sangue e una bassa conta piastrinica che può causare un’emorragia. Secondo Frode Forland, lo studio di Tromsø ha suggerito gli anticorpi alle piastrine come possibile meccanismo.

“Guardiamo i singoli casi, ma anche a livello epidemiologico dove il beneficio per la popolazione viene soppesato rispetto ai possibili effetti collaterali”, ha sottolineato Frode Forland in un’intervista al quotidiano svedese Dagens Nyheter.

Tuttavia, il recente allarme combinato con il ritardo nelle consegne ha aumentato lo scetticismo sul vaccino di AstraZeneca, sia tra i norvegesi ordinari, la cui disponibilità a vaccinare è diminuita dell’11% in un recente sondaggio, sia tra la comunità medica.

La presidente dell’Associazione per la medicina generale, Marte Kvittum Tangen, ha affermato che sarà difficile riprendere l’uso del vaccino di Astra Zeneca se si cerca un’alta affluenza alle vaccinazioni. Secondo i rapporti dei medici generici norvegesi, la disponibilità a vaccinare è diminuita in modo significativo.

Articolo in lingua originale

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: