Quel reddito di cittadinanza a “pioggia”: anche a 145 condannati per mafia

Quel reddito di cittadinanza a “pioggia”: anche a 145 condannati per mafia

 

20 febbraio 2021

E’ l’ennesima goccia. La dimostrazione che le modalità con le quali è stato assegnato il reddito di cittadinanza non sono state funzionali e che qualcosa non è andato come previsto. E’ infatti abnorme la notizia di quanto ha scoperto nelle ultime ore la Guardia di Finanza di Palermo su input della locale Procura. Sono stati così individuati ben 145 percettori di reddito di cittadinanza che però avevano riportate condanne PRECEDENTI per mafia e che quindi non avevano alcun diritto a percepire il reddito.

Sono stati denunciati con l’accusa dichiarazioni mendaci volte all’ottenimento del reddito di cittadinanza e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche ed all’Inps, con cui la finanza agisce in costante sinergia e collaborazione, per la revoca del sussidio ed il recupero del beneficio economico.

Le ricerche hanno riguardato circa 1.400 persone, tra cui sono stati selezionati coloro che a partire dal 2009 hanno subito condanne definitive per reati che impediscono di fruire del reddito di cittadinanza.
    Gli indagati o i familiari degli indagati hanno infatti subito condanne per i reati di associazione di tipo mafioso, oppure per reati aggravati dal metodo mafioso come tentato omicidio, estorsione, rapina, favoreggiamento, trasferimento fraudolento di beni, detenzione di armi, traffico di sostanze stupefacenti, illecita concorrenza con minaccia o violenza, scambio elettorale politico-mafioso.
    La Guardia di Finanza ha quantificato in circa 1 milione e 200 mila euro le somme percepite a partire dal 2019. Inoltre gli investigatori hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo d’urgenza emesso dalla Procura di Palermo nei confronti di 26 soggetti condannati per associazione di tipo mafioso o per reati aggravati dal metodo mafioso, per un ammontare complessivo di oltre 70 mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: