De Luca, da Orlando Furioso a bucolico contadino, non accetterà le dimissioni di Lombardo

17 dicembre 2020 – Fiumedinisi (Messina)

Quanti pensieri e quante emozioni! E quanta pressione per il Sindaco Cateno De Luca, che dopo le fatiche delle dirette “forzate” di ieri, dopo il Sindaco-Vigile a Piazza Duomo, il Sindaco-Sanitario con il lanciafiamme contro il direttore generale dell’ASP di Messina, Paolo La Paglia, il Sindaco-Operaio ed i suoi blitz a Montesanto, dove ha scoperto anche un pony, ecco che oggi, come lui stesso ha scritto ieri “stanco e con le mani sporche“, a differenza di altri, per i rischi corsi, da Orlando Furioso si trasforma in pacato e bucolico contadino. Ha infatti scelto di ritirarsi solo per oggi a Fiumedinisi per ritemprarsi delle corse di ieri e dal clima di perenne emergenza e di continua campagna elettorale. Qualcuno si chiede a chi giova quest’ansia che lo sfinisce? Probabilmente molto a sé stesso, qualcun altro risponde.

Ed intanto si apprende che Cateno De Luca probabilmente non accetterà le dimissioni da presidente di Messina Servizi di Pippo Lombardo, semi travolto da un’indagine per violazioni della normativa ambientale e rinviato a giudizio proprio nel giorno dell’inchiesta sui rifiuti della Eco-Beach di Giardini. L’inchiesta che ha chiamato in correità della ditta di smaltimento di rifiuti anche la funzionaria della Città Metropolitana, Faraone. Insomma una giornata di apparente relax per il Sindaco di Messina, che da domani sarà nuovamente pronto a “dare battaglia” ai dipendenti “fannulloni”, ai messinesi “che non vogliono cambiare” per come a Lui piacerebbe. Ed allora, come scrivono i suoi fan: “Buon riposo Sindaco!”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: