La Sicilia in tempo reale

 

COAS Medici dirigenti: “Ecco perché La Paglia non ha i requisiti per essere direttore ASP” e ne chiedono la rimozione

19 dicembre 2020

Attacco frontale del sindacato dei Medici Dirigenti, Co.A.S. (Coordinamento di Azione Sindacale) che con una lettera al Presidente della regione, all’assessore regionale competente, al Ministro per la Salute, alla Corte dei Conti ed al presidente della’Autorità Nazionale Anticorruzione, pone dubbi formali circa la legittimità della nomina di Paolo La Paglia a direttore generale dell’ASP di Messina.

“La scrivente Organizzazione Sindacale denuncia il mancato possesso dei previsti requisiti e titoli per la nomina del dott. Paolo La Paglia a Direttore Generale dell’ASP di Messina” scrive il COAS. “Viste le gravi carenze organizzative e gestionali della Direzione strategica dell’ASP di Messina accentuate durante questa triste emergenza pandemica e le recenti quantomeno ‘scomposte’ note e interviste rilasciate a mass media ed emittenti televisive locali e nazionali, la Scrivente ha ritenuto opportuno valutare i titoli del Manager dell’ASP di Messina“. 

La questione di legittimità posta dal CoAS si riferisce al requisito di anzianità di servizio di sette anni di cui cinque “nella disciplina di Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base o disciplina equipollente e specializzazione nella disciplina o disciplina equipollente ovvero, anzianità di servizio di dieci anni nella disciplina di Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base”. Secondo il sindacato dall’analisi dei curricula di Paolo La Paglia si evincerebbero delle “anomalie” per quanto riguarda “l’incarico ricoperto dal 1° novembre 1999 al 25 marzo 2018 presso l’Azienda Sanitaria di Caltanissetta, n.q. di Direttore medico di Struttura Complessa (ex dirigente di II° livello) disciplina “Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base. Il conferimento dell’incarico di direttore generale ASP di Messina appare del tutto illegittimo in quanto la nomina è avvenuta in data antecedente alla maturazione del requisito di ammissione alle selezione che ricordiamo
essere: anzianità di servizio di dieci anni nella disciplina di Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base, requisito essenziale poiché il dott. P. La Paglia era privo della specializzazione richiesta.  In particolare: “L’esame dei diversi curriculum vitae ha evidenziato:
1. Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita in data 15/07/1985 con votazione di centodieci/100 e lode.
2. Abilitazione all’esercizio della professione di Medico Chirurgo conseguita presso Università di Palermo nella 2 a sessione anno 1985.
3. Specializzazione in Pediatria conseguita in data 15/11/1989.
4. Prestato servizio n.q. di dirigente medico di ex I livello – Disciplina Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base presso l’ASP di Caltanissetta dal 01/12/1989 al 31/10/1999.
5. Prestato servizio n.q. di dirigente medico di ex II livello – Direttore (Primario) Disciplina: Organizzazione dei Servizi Sanitari presso l’ASP di Caltanissetta dal 01/11/1999 al 25/03/2018.
Nel dettaglio, la dichiarazione prodotta dal dott. P. La Paglia del servizio prestato dal 01/12/1989 al 31/10/1999 presso l’ASP di Caltanissetta n.q. di dirigente medico di ex I livello – Disciplina Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base, senza alcun dubbio dimostra che lo stesso non aveva maturato il requisito di anzianità di servizio di 10 anni nella disciplina oggetto della selezione per la nomina a Direttore medico dell’UOC “Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base”.
Tale requisito era ben lontano dall’essere raggiunto quando il dott. P. La Paglia certamente almeno 6 mesi prima a) presentò la domanda, b) fu ammesso alla selezione per titoli e colloquio, c) fu dichiarato IDONEO dalla Commissione Esaminatrice all’uopo incaricata, d)
Inserito nella terna dei nominativi da sottoporre al Direttore Generale per il conferimento dell’incarico, e) fu prescelto discrezionalmente dal Direttore Generale “pro tempore” per il conferimento dell’incarico di Direttore dell’UOC Organizzazione dei Servizi Sanitari di Base dell’ASP di Caltanissetta a decorrere dal 01/12/1999 ben un mese prima che maturasse l’indispensabile requisito dei 10 anni di anzianità di servizio nella disciplina oggetto della selezione.
Un fatto gravissimo e veramente scandaloso!
Alla luce di quanto sopradetto il dott. P. La Paglia, non poteva perciò essere:
⮚ Inserito nell’elenco regionale degli idonei alla nomina a Direttore Sanitario;
⮚ Inserito nell’elenco regionale degli idonei alla nomina a Direttore Generale del SSR;
⮚ Nominato Commissario Straordinario dell’AO Papardo di Messina il 26/03/2018;

⮚ Nominato Commissario dell’ASP di Messina il 18/12/2018 e in seguito Direttore Generale dell’ASP Messina a decorrere dal 16/04/2019 sino ad oggi.
Per quanto sinora esposto si chiede al Sig. Presidente della Regione Siciliana e all’Assessore alla Salute, l’immediata revoca in autotutela della nomina a Direttore Generale dell’Asp di Messina del dott. P. La Paglia.
La scrivente Organizzazione Sindacale informa altresì le SS.LL. in indirizzo che le condotte poste in essere dal dott. P. La Paglia, solidalmente con i diversi soggetti coinvolti a vario titolo che hanno contribuito alla sua nomina a Direttore Medico del Distretto Sanitario di Caltanissetta, al successivo inserimento nell’elenco regionale degli idonei alla nomina a Direttore Sanitario e Direttore Generale del SSR, al conferimento dell’incarico di Commissario Straordinario dell’AO Papardo di Messina il 26/03/2018 e successivamente, a far data 18/12/2018 n.q. di Commissario dell’ASP di Messina e di Direttore Generale a decorrere dal 16/04/2019 ad oggi, saranno denunciati per il tramite della Guardia di Finanza alle Autorità Competenti”.

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: