Indagati 3 funzionari del CAS per turbativa d’asta negli appalti per la Me-Ct e la Me-Pa

L’inchiesta è stata chiamata “Fuori dal Tunnel” ed ha approfondito e messo alla luce reati contestati a tre funzionari del Consorzio Autostrade Siciliane ed a 5 imprenditori. Le contestazioni si riferiscono ad alcuni appalti degli ultimi anni sul tratto autostradale della Messina Catania e della Messina Palermo, di competenza del Consorzio Autostrade con sede a Messina. A finire sotto la lente di ingrandimento della Procura del tribunale di Messina e della DIA diretta dal dottor Maurizio De Lucia, sono Angelo Puccia, ingegnere 60enne e funzionario del Consorzio Autostrade al quale è stata notificata ed applicata la misura dei domiciliari, Fabrizio Notari, 62enne, rappresentante legale della Notari Luigi S.p.a., al quale è stato notificata la misura del divieto temporaneo di contrattare con la Pubblica Amministrazione ed Alfonso Edoardo, ingegnere, anche lui funzionario del CAS. Sotto inchiesta anche altri 5 imprenditori.

Gli appalti sotto analisi si riferiscono alla “massa in sicurezza” delle gallerie Tindari e Capo d’Orlando della A20 per un importo complessivo a base d’asta di 25 milioni di euro che risale al 2015 ed affidato alla Notari S.p.a. e Costruzioni Bruno Teodoro S.p.a. . L’analisi della Procura si è focalizzata sulle assunzioni effettuate dalle imprese vincitrici a cui è stato affidato l’appalto: sarebbero stati assunti in particolare parenti ed amici dei due funzionari del Consorzio Autostrade.

La Dia ha indagato anche su altri episodi ed appalti, tra i quali uno dei più recenti quello che si riferisce a lavori svolti sul viadotto Calamo sulla A20 e sui lavori effettuati per la messa in sicurezza della galleria Sant’Alessio sulla A18.

 

Dia di Messina
Sede di Messina della Direzione investigativa antimafia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top
Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: