La Sicilia in tempo reale

 

Gioveni: “Emergenza coronavirus: aumentare i posti letto attraverso dei protocolli d’intesa con il DMML e le cliniche private!”

Messina, 23 marzo 2020

“Si stipulino delle convenzioni o dei protocolli d’intesa con le cliniche private cittadine e con il Dipartimento Militare di Medicina Legale di viale Europa per adibire, in caso di necessità, parte dei loro locali a reparti COVID da destinare per la cura di pazienti positivi da coronavirus”.

E’ questa la proposta che il consigliere comunale Libero Gioveni ha rivolto al sindaco De Luca, nella sua qualità di massima autorità sanitaria locale, affinché se ne faccia promotore con il Comandante Logistico dell’Esercito e con i Direttori delle varie case di cura presenti in città.

Con l’aumento dei contagiati da coronavirus purtroppo – spiega Gioveni – potrebbero non bastare gli sforzi che la direzione del Policlinico sta facendo per adibire all’emergenza COVID19 alcuni suoi reparti che fino ad oggi venivano utilizzati per curare altre patologie.

Peraltro sarebbe opportuno – prosegue il consigliere – che alcuni pazienti che sono risultati positivi ma che non manifestano segni di desaturazione (ossia di insufficienza respiratoria) e che quindi risultano praticamente asintomatici, non venissero ricoverati subito occupando dei preziosi posti letto, ma si ponessero in quarantena nella loro abitazione, magari mantenendo un contatto permanente quotidiano con le strutture sanitarie che interverrebbero prontamente in caso di peggioramento delle loro condizioni di salute.

Tra l’altro – ricorda Gioveni – l’ex Ospedale Militare non è nuovo alla stipula di accordi con altri Enti, ai quali ha partecipato anche l’Amministrazione, come per esempio quello recentissimo dello scorso 7 febbraio stipulato con l’IRCSS Neurolesi-Piemonte denominato “Centro veterani della Difesa” che permette ai militari neuro-traumatizzati  ricoverati nel vari presidi militari di proseguire le loro cure nel centro sanitario neurologico, proprio con l’obiettivo di avvicinare e integrare il sistema sanitario militare a quello pubblico.

L’idea – evidenzia il consigliere comunale – sarebbe quella di farci trovare pronti nell’affrontare al meglio l’emergenza sanitaria nel malaugurato caso in cui il numero di contagiati dovesse raggiungere un picco tale da non poter più avere a disposizione sufficienti posti letto.

Solo così – conclude Gioveni – fra strutture sanitarie pubbliche, militari e pri
vate presenti in tutta la città si potrebbe creare un numero di posti letto tale
 da suddividerli per l’assistenza e la cura di tutti i pazienti colpiti dal coro
navirus, sia quelli da destinare alla cosiddetta “area critica” per la terapia r
espiratoria, sia quelli affetti da infezione COVID19 che però non necessiterebbero inizialmente o per tutta la loro degenza di assistenza intensiva.

Post Tags
No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: