La Sicilia in tempo reale

 

Commercio illegale, sequestrati dalla Guardia Costiera di Messina 15 kg. Di polpa di riccio

Messina, 21 febbraio 2020

Nell’ambito di una complessa attività volta a prevenire le frodi in commercio, a verificare il rispetto delle disposizioni sulla tracciabilità ed etichettatura del pescato, nonché delle norme sull’attività di cattura per la tutela degli stock ittici e dell’ecosistema, in località Tremestieri, i militari del Nucleo Unità Navali della Guardia Costiera di Messina, hanno posto sotto sequestro n°130 vasetti contenenti polpa di ricci per un totale di 15 kg., privi delle previste etichette sigilli e qualunque altro dato utile per l’identificazione del prodotto.

Il valore commerciale al dettaglio della merce sequestrata è di circa € 6.000,00. All’autotrasportatore, è stata elevata una sanzione amministrativa pari a € 1.500,00. Il prodotto ittico confiscato è stato sottoposto nell’immediatezza a visita da parte dei medici veterinari dell’ASP di Messina i quali ne hanno disposto la distruzione in quanto privi di ogni indicazione relativa alla data del confezionamento ovvero al metodo di produzione e pertanto non idoneo al consumo umano.

Il valore economico del riccio di mare è aumentato considerevolmente nel corso degli ultimi anni a seguito dell’innalzamento della domanda sul mercato , la quale ha comportato un aumento elevato delle catture. Per questo motivo la pesca del riccio è consentita solo nel rispetto delle normativa vigent e del conseguente sistema di vigilanza. che ne garantisce secondo un rigido sistema di controllo. Le attività in materia continueranno ininterrottamente al fine di tutelare le risorse ittiche..

No comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: