EDITORIALE: De Luca e le dimissioni: abbia il coraggio di scegliere tra Messina e Palermo. “Luna di miele” agli sgoccioli

VIDEO – Controlli dei Carabinieri nel week end a Messina, 6 denunce.

Cateno De Luca cominci davvero ad essere sindaco “in esclusiva” dei Messinesi. Come promesso in campagna elettorale.

Messina, 21 ottobre 2018 – di Giuseppe Bevacqua

E’ ormai una questione di coraggio. Quello che De Luca ha sempre sbandierato contro ogni attacco personale e che lo ha contraddistinto fino ad ora. Il coraggio di non attendere che si possa scongiurare con certezza il dissesto e di dimettersi dall’ARS. E’ arrivato il momento di fare una scelta che a tutti, in campagna elettorale, sembrava già presa: scegliere Messina e di intestarsi la battaglia del salvataggio. De Luca durante i tanti mesi di campagna elettorale ha sempre, dico sempre, dichiarato di “amare la città dello Stretto” e che “Messina ha bisogno di cambiare”.

La luna di miele tra il sindaco De Luca e Messina è visibilmente agli sgoccioli, almeno a leggere le contestazioni sempre più dure che cominciano ad aumentare sulla sua pagina Facebook, quella che fino a qualche settimana fa era solo piena di apprezzamenti, complimenti ed “osanna” al “vero sindaco della città di Messina”. Adesso non è più così. La pagina “portavoce del sindaco” inizia a pesare anche di insulti che (per fortuna e giustizia) nessuno modera e che rimangono lì a testimoniare che la “strategia” dei due forni comincia ad infastidire e ad apparire per quella che è: una questione di opportunità personale.

Lasciare l’ARS per De Luca equivarrebbe a scegliere Messina. Che lo faccia, allora, “senza se e senza ma”. Questa sarebbe il miglior segnale di coraggio e fede nei messinesi. E varrebbe più di qualsiasi comizio. Salga anche lui sulla nostra “barca che affonda”, ci salga davvero e non stia più a tenere un piede sulla comoda terra ferma dell’ARS e l’altro sulla malandata nave senza nocchiero in gran tempesta. Rischi anche lui senza calcoli e senza più strategie. Insomma cominci davvero ad essere sindaco “in esclusiva” dei Messinesi. Come promesso in campagna elettorale.

amata web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close