RISANAMENTO – MANGIALUPI (Me): Ecco come vivere tra i topi in cucina e l’acqua che piove dentro casa. Appello al sindaco De Luca

Messina, 29 settembre

Lei si chiama Cetty Chillè e vive a Mangialupi. Vive, anzi sopravvive, con le sue due figlie, senza marito, quotidianamente in queste due stanzette di una casetta da dichiarare inabitabile. Tetto in amianto, topi che scorazzano in cucina e che lasciano escrementi dentro il pentolame e la pioggia che quando viene giù, scola lungo le pareti, bagna i letti ed allaga i pavimenti, alimentando la muffa, mischiata all’amianto. E proprio in cucina c’è la condizione igienica peggiore: topi ed il tetto di compensato sopra il quale l’amianto si sta sbriciolando e viene giù dai pannelli sconnessi di cartone pressato, mischiandosi al cibo che questa mamma è costretta a preparare qui ed in queste condizioni per le sue due figlie. Una di loro è gravemente malata: “Mia figlia ha un ritardo mentale e soffre di problemi psichici, quando vede un topo entra in crisi e non vede più”.

Una situazione di degrado come ce ne sono tante a Messina e che urgono immediato intervento. L’Agenzia per il Risanamento, infatti, deve e non può fare a meno, tenere conto dei casi urgenti che sono tanti. Come quello di Cetty Chillè e delle sue due figlie, una situazione già censita dal sistema avviato dal Sindaco De Luca, ed al quale Cetty Chillè si rivolge con un appello: “Aiutatemi ad andare via da qui e portare via con me le mie figlie”.

Join the Conversation

  1. Disponibilità ad accogliere in una comunità con assistenza sanitaria Fortunata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top
Close